Paola e Linda, gli estremi che si toccano

JESI – Tra una tartina e un calice di Prosecco si consuma, in mezzo a un caldo afoso, la festa decretata dalle urne elettorali per la riconferma del sindaco, Massimo Bacci.

Suoni, parole, abbracci, commenti, sorrisi: piazza della Repubblica accoglie i civici che hanno sostenuto e vinto – ancora una volta e con ampio margine – la disfida del voto.

Sono tutti lì. Eletti e non delle quattro liste. Tanto la squadra è composta anche da chi sta in panchina. Per adesso.

Festa nella festa i volti di due donne: Paola Lenti e Linda “Lindita” Elezi. Una conferma alla grande per la prima, un’entrata in Consiglio comunale “da incorniciare” per la seconda.

Con JesiAmo Paola, con PattoxJesi Linda. Ma che importa. Tutto a sostegno di lui, Massimo. Che non è il Decimo Meridio “Ispanico” del colossal  di Ridley Scott “Il Gladiatore”, ma lo jesino al bis di piazza Indipendenza. Anche lui, comunque, gladiator a modo suo.

Per Paola 306 preferenze, la più votata, scheda su scheda. Ma non se ne fa un vanto. Lei è schiva, ringrazia ma non si esalta. E per strapparle una parola ci vuole pazienza. Tanta pazienza… La dolce serenità delle persone sagge.

“Ho fatto una campagna soft – dice – e ritengo che chi mi ha votato abbia votato convintamente per la persona. Per quello che sono e per i valori che rappresento. Sono soddisfatta per questo e ancora di più per il fatto che è stato premiato il nostro nuovo modo di fare politica. Non ci siamo fermati, anzi. Continueremo a camminare per proporre e costruire una Jesi migliore”.

E poi la Paola che… ti aspetti, conoscendola: “Non mi sento vincente, mi sento coerente perché la coerenza è un grande valore. E’ il civismo che ha vinto, con i suoi principi e i suoi valori. E hanno vinto i cittadini”.

Un’acqua cheta, Paola. Chiara, fresca, dolce come la petrarchesca canzone.

Effervescente Linda, campagna tutt’altro che soft, adesso tutta un sorriso e la consapevolezza, con i suoi 235 voti – quinta nelle preferenze – che il bello debba ancora venire.

“La città ha risposto alla grande sia per Bacci che per me. Ho vissuto la notte dello spoglio sino alle 3 e mezzo di mattina e la prima grande soddisfazione è stata quella di veder premiato il Sindaco, persona che stimo tantissimo”.

Poi, il giorno dopo, lunedì scorso, “ero tesa, mi sono svegliata con un po’ di ansia ho seguito al computer l’andamento delle preferenze e, poi, sono esplosa di gioia”.

Linda non chiede altro che di essere “a disposizione della città, del territorio. In Comune voglio essere il tramite tra la gente e l’istituzione pubblica. Ci credo in tutto questo e non lesinerò energie. Il mio compito so bene qual è. Ora tutti al lavoro, con grande umiltà”.

Lei, albanese di nascita ma da 25 anni a Jesi: “Sono ormai jesina a tutti gli effetti  – ci tiene a dire – i miei sono tutti qui, anche se ho parenti e amici sparsi per il mondo. E tutti mi hanno chiamato per congratularsi, non solo dall’Albania, ma anche dagli Usa. Che dire, sono pronta…”.

Paola e Linda, festa nella festa.

Due estremi che si toccano nello stesso ideale.

Pino Nardella

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*