Parco del Vallato, blitz dei carabinieri: sequestrati droga e coltello

foto d'archivio

JESI – Parco del Vallato, proseguono i controlli dei carabinieri della Compagnia di Jesi per contrastare i fenomeni legati allo spaccio di sostanza stupefacente e altri atti criminosi. Ieri pomeriggio, sono stati bloccati due uomini, trovati in possesso di droga e coltello.
Poco dopo l’ora di pranzo, i militari hanno notato uno strano raggruppamento di persone: i militari hanno deciso di procedere a controllo, scatenando un fuggi fuggi generale ma le vie di fuga erano già chiuse e presidiate da altre pattuglie. I carabinieri così riusciti ad individuare due uomini, stranieri, d’età compresa tra i 30 e i 40 anni. Entrambi erano in possesso di sostanza stupefacente del tipo marijuana – circa 20 grammi – e di un coltello a serramanico.

I due dovranno rispondere: lo straniero di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e l’italiano di porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere.

Ulteriore ed analogo controllo è stato effettuato nella tarda serata al fine di verificare se la sicurezza fosse stata ristabilita.

Dall’ottobre del 2018 i Carabinieri di Jesi sono impegnati al contrasto dei fenomeni criminosi al Parco del Vallato. Circa 80 controlli mirati in un anno e solo in quel luogo, con poco meno di 160 persone controllate in totale. La media dei quasi 7 controlli al mese, più di uno a settimana, ha portato la Compagnia di Jesi ad arrestare circa 10 persone per spaccio di sostanze stupefacenti, denunciarne altrettante sempre per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio, altre 10 persone circa segnalate per uso personale di sostanze stupefacenti, oltre a 2 persone denunciate per porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere. Il totale della sostanza stupefacente sequestrata ammonta a circa 300 grammi di hashish, poco meno di 50 grammi di marijuana e circa un grammo di eroina e uno di anfetamine. Numeri che in senso stretto potrebbero sembrare piccoli, ma che invece sono grandi perché riguardano un giardino pubblico circoscritto pieno di insidie per i Carabinieri che, malgrado l’impegno ed il sacrificio, devono confrontarsi con il teatro operativo che spesso agevola la fuga dei malfattori.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*