Parco del Vallato, i residenti: «Primi miglioramenti grazie a Comune e forze dell’ordine»

JESI – Incontro all’insegna della collaborazione e del dialogo quello avvenuto ieri mattina presso la residenza municipale tra residenti del Comitato Parco del Vallato – via del Molino, sindaco Massimo Bacci, comandante della Polizia Locale Cristian Lupidi e il gestore del Noir Simone Rachetta. Un tavolo di confronto in cui è stato fatto il punto sulle problematicità del quartiere e sono stati trovati accordi per una migliore vivibilità.

«La situazione sembra abbastanza migliorata al Parco del Vallato ma non bisogna abbassare la guardia» ha detto il Comitato cittadino Parco del Vallato – via del Molino, presieduto da Damiano Paoletti – Abbiamo notato l’intensa  attività di controllo svolta dalle forze dell’ordine  – riferisce il Comitato dei residenti – Il nostro ringraziamento va a loro e anche al sindaco Bacci per non averci abbandonato».
Il Parco del Vallato è da tempo segnalato come piazza per il traffico illecito di sostanze stupefacenti, dove sia carabinieri che polizia hanno sequestrato droga e proventi di spaccio, nascosti sottoterra, sotto tegole o tra i cespugli. Diversi anche i pusher arrestati. Il tutto è stato reso possibile grazie anche ai residenti che si sono prontamente rivolti alle forze dell’ordine per segnalare situazioni sospette o di pericolo. Altro “storico” problema del Parco del Vallato, riguarda la presenza di baby gang e atti vandalici ai danni delle proprietà pubbliche e private. Ci sono stati episodi, sopratutto durante la scorsa estate, in cui ragazzini d’età compresa tra i 14 e i 18 anni, si sono divertiti a lanciare sassi contro i passanti, tra questi una persona anziana e una donna incinta. Per gli schiamazzi notturni, si è spesso puntato il dito contro la discoteca Noir di via del Molino ma il gestore Simone Rachetta si è mostrato aperto e disponibile ad individuare soluzioni: «Rachetta ha ben compreso le problematiche e ci ha assicurato che aumenterà la sorveglianza esterna – riferisce il Comitato residenti – Inoltre, ci ha riferito che, probabilmente, apporterà dei cambiamenti anche alla politica del locale, alzando l’età della propria clientela». Resta ancora in sospeso il discorso delle telecamere di sorveglianza e del potenziamento dell’illuminazione, misure di prevenzione da tempo richieste dai residenti e sui cui si è aperta la fase di progettazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*