Parco del Vallato, sabato la presentazione del Comitato | | Password Magazine

Parco del Vallato, sabato la presentazione del Comitato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sabato 20 gennaio presso il Palazzo dei Convegni, dalle ore 11 alle ore 13, ci sarà la  presentazione alla stampa del Comitato Parco del Vallato- Via del Molino.
Voluto fortemente dal Presidente Damiano Paoletti, residente del Parco del Vallato, da sempre impegnato in prima persona per tentare di risolvere i problemi del quartiere, molti ormai noti: vandalismo a danno dei giochi per bambini disabili, utilizzo della parte
retrostante la casa dei camperisti come latrina, immondizia permanente dai cestini traboccanti.
Il Comitato creato come persona giuridica ha intenzione di iniziare a dialogare con l’Amministrazione in maniera costruttiva e finalmente risolutiva dopo dodici anni che i residenti di Via del Molino lamentano la forzata convivenza con gli avventori delle discoteche che fino alle prima luci dell’alba disturbano la quiete notturna con schiamazzi, provocano danni alle auto in sosta, come spesso segnalato anche in via XX Settembre , violano i domicili facendo intrusione in
ballatoi chiusi a chiave, terrazzi al primo piano e quant’altro, lasciando oltre ai loro bisogni corporei a volte, bottiglie vuote e così via, gli stessi che poi decidono di continuare la “Festa” al Parco del Vallato con annessi e connessi.
Per non parlare dell’ascensore di via Zannoni al centro di segnalazioni da parte dei cittadini, soprattutto donne, durante un normale utilizzo di
molestie verbali e pedinamenti da parte di soggetti stranieri.
La consigliera della Lega Silvia Gregori, eletta tra i consiglieri del comitato, precisa: “Il fatto stesso che i cittadini sentano il bisogno di costituire un comitato per difendersi è segno tangibile che l’Amministrazione Bacci, in quasi 6 anni, sulla sicurezza non è stata capace di fare nulla, oltre svariate promesse, che hanno
poi spinto i cittadini a tutelarsi da soli in alcune aree, impegnando a proprie spese gli istituti di  vigilanza privata per la sorveglianza del proprio condominio.
Questo è un progetto pilota che se darà i risultati sperati potrà essere utilizzato anche in altre  aree dove sono fioccate già le richieste”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.