Parco Esedra c'è di tutto: indumenti, bottiglie e testi di un falò | Password Magazine

Parco Esedra c’è di tutto: indumenti, bottiglie e resti di un falò

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Parco dell’Esedra, sul quale si affaccia piazza Domenico Ricci e anche una serie di condomini, non fa eccezione alla regola. Regola che parla di un diffuso maltrattamento delle nostre aree verdi cittadine usufruite da troppi in modo incivile.
E con la bella stagione alle porte la situazione non potrà che peggiorare visto che aumenteranno i frequentatori dei parchi.


Lungo l’anello della pista di pattinaggio i resti bruciacchiati di un piccolo falò ma anche quelli della legna usata per accendere il fuoco, vale a dire una cassetta probabilmente sottratta all’esterno del vicino supermercato.
Bottiglie di birra di tutti i tipi a intasare i raccoglitori di rifiuti ma anche gettate sull’erba, ad ampio raggio, con noncuranza.
Pezzi di vetro distribuiti per la stessa pista che ha una sua funzione ben precisa ma, ovviamente, utilizzata per farci un po’ di tutto, dagli allenamenti sportivi ai semplici giochi come le partitelle di calcio.
Girando per lo stesso parco anche abbigliamento tra i cespugli, utilizzati quasi come rifugi: felpe, una scarpa da ginnastica e uno stivale da donna. Tutto in prossimità del piccolo falò, comunque. Come se fosse una zona di particolare frequentazione. Soprattutto notturna.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.