Parco Le Querce, assalto al bar nella notte: distrutte sedie e biliardino | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Parco Le Querce, assalto al bar nella notte: distrutte sedie e biliardino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO STAZIONE  – Atti vandalici nella notte ai danni del baretto del Parco delle Querce, da ieri al centro di una polemica apparsa sulla stampa per un’esposto formulato e inviato alle forze dell’ordine da una trentina di famiglie del quartiere contro gli schiamazzi e i rumori da movida. I residenti denunciano anche lo stato di degrado del Parco delle Querce, presentando foto che ne ritraggono sporcizia, graffiti e siringhe.

Stanotte qualcuno ha assestato il colpo al piccolo bar, dato in gestione dal Comune ad un privato, il signor Gennaro Conte, che stamattina ha trovato sottosopra il suo locale all’aperto: “Danneggiato il biliardino nuovo ma anche sedie e panche, mentre un’asta da biliardo è stata buttata via – racconta a Password Conte – In quattro anni di gestione non mi era mai accaduta una cosa simile. Ho denunciato il fatto ai carabinieri che ora analizzeranno le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza”.

Ad avvisare l’uomo del fatto, gli stessi ragazzi frequentatori del bar che, in questi giorni in cui non c’è scuola, si incontrano lì dalla mattina: “Gennaro, corri che qua hanno distrutto il biliardino” è la telefonata che allarma Conte che, abitando a due passi, immediatamente si precipita a vedere.

“Qui si radunano tanti ragazzini, per lo più minorenni che consumano thè e coca cola. Ma ci sono anche anziani e famiglie che vengono qui con i loro bambini: se ci fosse tutto questo degrado, siamo certi che verrebbero lo stesso? Io che sono padre e gestisco questa attività con la mia famiglia, se fosse così rischioso, sarei il primo ad evitarlo” spiega Gennaro. Intorno a lui, in un attimo, si stringono i ragazzi avventori del locale che iniziano a raccontare: “Siamo indignati, sui giornali hanno parlato di noi come dei delinquenti o dei teppisti, responsabili del degrado di cui si parla –  racconta uno di loro – Venivo al Parco anche con la scuola, da bambino, per l’iniziativa Puliamo il Mondo e mai vi avevo trovato delle siringhe”.

Sono diversi i gruppi di minorenni che si ritrovano al baretto di Stazione, ragazzi e ragazze, che arrivano in sella ai loro motorini: qui incontrano gli amici provenienti dalle limitrofe Moie, Pianello Vallesina e Jesi. Un punto di riferimento insomma, dove socializzare e trascorrere l’estate, con l’approvazione dei genitori che sanno di trovare lì i propri figli.

Molti dei graffiti apparsi in foto sulla stampa, stando al gestore, sono lì da dieci anni: “Alcuni li avevamo coperti con della vernice – racconta Gennaro – A maggio, quando ho riaperto, avevo risistemato tutta la struttura, danneggiatasi durante l’inverno e ora avevo comprato questo biliardino nuovo che è andato distrutto”.

Saranno le forze dell’ordine a far luce sulla questione. Intanto, in queste ultime settimane di apertura del baretto, che è appunto un’attività stagionale, Conte ribadisce la propria disponibilità ad incontrare e a discutere con i residenti delle problematiche da risolvere: “Avrei preferito farlo prima di arrivare a questo punto – dice – Da parte mia, sono pronto al dialogo”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.