Parco Le Querce, residenti in protesta. Costarelli: "Questo è lo schifo che si vuol far passare" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Parco Le Querce, residenti in protesta. Costarelli: “Questo è lo schifo che si vuol far passare”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO STAZIONE – “Questo è lo schifo che si vuol far passare per Castelbellino, conoscendo i luoghi, ed i fatti, ognuno può giudicare serenamente”. Così il vice sindaco di Castelbellino Massimo Costarelli commenta l’esposto formulato e inviato alle forze dell’ordine da una trentina di famiglie di Castelbellino Stazione contro gli schiamazzi e i rumori da movida connessi alle attività del baretto del Parco Le Querce.

A lamentarsi sono alcune famiglie di residenti nelle Via Ugo la Malfa, Viale Papa Giovanni XXIII, via Nenni e Via Don Minzoni di Castelbellino Stazione: “Una situazione invivibile venutasi a creare ormai da tempo  nella zona e in particolare nelle immediate vicinanze del parco denominato “Le Querce” scrivono nell’esposto.

Qui i cittadini puntano il dito contro “la presenza di numerosi minorenni, provenienti anche dai limitrofi comuni e frazioni, che a partire dalle 15.00 di ogni giorno e sino nei fine settimana sino alla mattina, a bordo dei propri ciclomotori, molti dei quali con terminale di scarico alterato/modificato e quindi molto rumoroso, sfrecciano a tutto gas lungo tutta Via Ugo la Malfa, il più delle volte impennando, con la ruota anteriore sollevata, con più persone a bordo e anche senza casco. In viale Papa Giovanni XXIII (strada a senso unico) procedono anche in senso vietato producendo schiamazzi, urla, bestemmie e rumori di ogni genere che rendono inoltre impossibile il sonno ed il riposo”.

Nell’esposto, viene anche denunciato lo stato di degrado del Parco Le Querce “totalmente invaso di carte di ogni genere, lattine vuote, vetri di bottiglie rotte, nonché il danneggiamento delle strutture di uso giochi per bambini e cartelli stradali, cartelli pubblicitari divelti e cosa ancor più grave, la presenza di alcune siringhe usate, rendendo inaccessibile e pericoloso l’uso dell’area pubblica ai numerosi bambini ed anziani residenti”.

Inoltre: “La presenza di una struttura comunale data in gestione a privato ad uso bar, con ingresso principale dal Viale Papa Giovanni XXIII come punto strategico di ritrovo dei giovani – aggiungono i residenti – si è rivelata un’arma a doppio taglio, come ha dimostrato la festa del 21 luglio autorizzata dal Comune (con musica dalle 22 alle 2)”.

A fronte di queste accuse, uscite sulla stampa in concomitanza con l’inizio della Festa della Quercia, l’assessore Costarelli risponde: “Non abbiamo mai nascosto l’evidenza dei problemi, né il disagio dei residenti, alcuni dei quali abbiamo più volte incontrato, perché non tutti scrivono sui giornali, costretti ad convivere con rumori molesti, bestemmie e comportamenti non idonei a luoghi pubblici. Ci siamo coordinati più volte le Forze dell’Ordine per incrementare i controlli, con una risposta immediata delle stesse. Non abbiamo mai autorizzato alcuna manifestazione al gestore del bar, e con lo stesso ci siamo accordati su una chiusura totale di ogni manifestazione pubblica, visto il riconoscimento dell’errore. Ci sono stati, e ricorrono da decenni, atti di vandalismo, ai quali facciamo riscontro risistemando i siti. Per noi dire che i residenti hanno ragione significa fare qualcosa oggi, e prepararsi domani per fare qualcosa di più per evitare problemi e disagi. Faremo interventi con zone a traffico limitato e divieto per motocicli, coordinandoci con le Forze dell’Ordine. I problemi ci sono, ripetiamo, e non vanno sottaciuti, ne nascosti, ed hanno fatto persino bene i residenti a fare una raccolta firma per patrocinare l’iniziativa di sollecito. Come non va nascosta la realtà di un luogo di aggregazione per i nostri giovani, che, nel rispetto delle regole, sia dei gestori che degli utenti, svolge una funzione sociale importante. Quello che ci mortifica, e penso più che altro squalifichi Castelbellino ed i residenti che vivono a Stazione, è scambiare il Parco Le Querce per un’area urbana degradata, scambiandola, appunto, invece, con un’area ad elevatissima frequentazione, triplicata, con la triplicazione delle problematiche, dopo quattro anni in cui tutto era filato liscio, sempre con qualche piccolo disagio, ma compatibile con la serenità dei residenti e l’ordine del luogo. Chi amministra ha l’obbligo di accogliere le istanze ed affrontare le problematiche; a volte ci si riesce più facilmente, a volte il percorso è più lungo e tortuoso; quindi questo è il nostro compito. Compito di chi ci vive è rivendicare tranquillità nel luogo in cui vive. Poi c’è chi trasmette foto di un atto di vandalismo o una siringa correlandolo con una attività pubblica. Poi, ci sono anche consiglieri comunali che fanno fotografie e politica con questi mezzi. A ciascuno il suo. Daremo collaborazione, e confidiamo nella reciproca collaborazione con i residenti, che attendiamo in Comune, come abbiamo fatto con quelli che non hanno mandato esposti. Convivenza ed aggregazione devono continuare a convivere; sarà compito dell’amministrazione comunale fare questo. Con l’auspicio di farcela; e per questo chiediamo anche un ruolo attivo dei genitori che dovrebbero essere i principali educatori. Sia locali, che di fuori Comune. Far passare Castelbellino come uno schifo in questi giorni di festa e di comunità attiva per rendere accogliente un luogo, non è stata una scelta felice e non rende onore ai tanti che ci vivono, ed ai tanti genitori che vivono con serenità quel luogo di aggregazione per i propri figli. Molti dei quali, vivono nella stessa area. Le opinioni, anche quelle critiche, le ascoltiamo tutte, da sempre. Ai posteri l’ardua sentenza”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.