Parlare di cambiamenti climatici attraverso l'arte: il progetto del Liceo Classico di Jesi | | Password Magazine

Parlare di cambiamenti climatici attraverso l’arte: il progetto del Liceo Classico di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Presentato in sede di conferenza stampa, al Liceo Classico Statale “Vittorio Emanuele II”, CLIMART: un nobile progetto comunitario, finalizzato all’apprendimento dei cambiamenti climatici attraverso l’arte.

Il progetto, appartenente al grande contenitore di programmi didattici relativi all’Erasmus, vede la partecipazione di tutto l’Istituto Comprensivo in partnership con l’azienda capofila Eurocube, ma non solo: sono infatti coinvolti altre aziende, partner sia pubblici che privati, anche estere.

“L’idea di parlare di concetti scientifici attraverso un linguaggio nuovo nasce dal progetto di contaminazione di questi due mondi all’interno dello spettacolo teatrale La margherita di Adele 2.0– spiega Marco Cardinaletti, Project Manager di Eurocube- Con Climart si contaminano arte e scienza, per dare una chiave di lettura di questo periodo di forte criticità ai ragazzi, perché ci sono situazioni che iniziano a diventare evidentissime. Abbiamo partner strategici, con un know how specifico e diversificato tra loro, sia pubblici che privati, a dimostrazione che anche realtà di appannaggio scientifico, possono comunicare e trovare linfa vitale anche in altri ambiti.”

 

Il progetto Climart coinvolgerà anche realtà straniere: a partire dal prossimo 13 Febbraio, infatti, si terrà il primo meeting tra tutti gli attori coinvolti in questa iniziativa: Liceo Classico Vittorio Emanuele II, Eurocube in rappresentanza italiana, insieme all’ Istituto Superiore “Milos Crnjanski” e l’associazione ambientale OKOSP della Serbia, alla Sophie-Brahe-Gemeinschatsschule-School di Berlino per la rappresentanza tedesca, e l’Istituto superiore “La Vall d’Uixò” insieme alla Cresol Association, provenienti dalla Spagna.

 

“Una sfida impegnativa- ha commentato il Preside Floriano Tittarelli – che sarà il proseguimento di un percorso già tracciato con altre iniziative del passato”.

Con un budget previsto di 281.800 euro, l’iniziativa si propone come percorso di apprendimento, attraverso le arti teatrali, delle metodologie innovative per far fronte all’importante tema dei cambiamenti climatici.

 

Un percorso, che durerà in più moduli per tutto il biennio 2021-2021, e che è sì rivolto alle nuove generazioni, prime beneficiarie, ma rivolto anche ai docenti, coinvolti sin dal primo meeting, insieme ai docenti delle scuole serbe, tedesche e spagnole coinvolte.

 

Le tre referenti del progetto, all’interno dell’Istituto Classico, sono Roberta Mosca, docente di inglese, Patrizia Taglianini, docente di materie letterarie, e Lauretana Rossetti, docente di fisica e matematica: le tre professoresse saranno direttamente impegnate, ma sarà loro compito coinvolgere anche gli altri docenti, nonché poi gli studenti, ma anche tutto il territorio di Jesi e della Vallesina.

 

“Spesso quando si sente parlare di Erasmus, si pensa sia rivolto solo agli studenti universitari, quando in realtà all’interno di questo programma europeo ci sono tanti progetti, ai quali il nostro Istituto ha in più occasioni aderito: sono momenti di scambio importanti, una vera interiorizzazione di valori. Partecipare a questi progetti implica il superamento di una selezione, la progettazione a lungo termine e un grande impegno da parte del Preside, dei Docenti e di tutta la Segreteria Amministrativa” – ha spiegato la Professoressa Mosca, referente per i progetti Erasmus.

“Da anni il nostro istituto fa del laboratorio teatrale, eletto come il contenitore più flessibile per poter parlare linguaggi diversi, come teatro civile. I ragazzi vivono le tematiche in prima persona e sul palco condividono le proprie emozioni” – ha raccontato la Professoressa Taglianini, referente per la parte dei progetti teatrali, alla quale si è poi aggiunto l’intervento della Professoressa Rossetti, referente del dipartimento scientifico: “ Personalmente mi sono sempre interessata ai problemi ambientali, ma ora attraverso Climart ho io stessa la possibilità di inserire all’interno del programma didattico questa tematica attualissima, importante per le generazioni del futuro.

Nei prossimi mesi saranno previsti anche dei coinvolgimenti delle Amministrazioni Pubbliche, per poter realizzare non solo momenti artistici, ma anche seminari e incontri relativi al Cambiamento Climatico.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.