Parrucchieri e estetiste, oggi la prova di riapertura anticipata: esito positivo | Password Magazine

Parrucchieri e estetiste, oggi la prova di riapertura anticipata: esito positivo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Le telecamere di Mattino Cinque puntate su Ancona questa mattina per riprendere le prove di riapertura di centri estetici e parrucchieri nelle Marche. Il Governatore Luca Ceriscioli, l’assessore alle attività produttive Manuela Bora e la direttrice generale dell’Asur Nadia Storti hanno assistito alla prima sperimentazione del protocollo di sicurezza realizzato dalla Regione in collaborazione con le associazioni di categoria e ufficio igiene Asur. Due i saloni di bellezza del capoluogo che hanno accettato di cimentarsi nella prova, si tratta di Parrucchieri Amoa e Stefania Team. La sperimentazione è andata bene ed è probabile che il 18 maggio nelle Marche acconciatori ed estetiste possano riaprire in modo responsabile. «Riaprire per noi significa sicurezza, secondo le linee guida che sono state preparate» ha detto Luca Ceriscioli alle telecamere. La regola numero uno resta la distanza, lasciando uno spazio vuoto tra una postazione e l’altra, allestendo segnaletica nel locale o plexiglas (non obbligatorio). Guanti e mascherine sono obbligatorie, ogni operatore dovrà avere mascherine di cortesia per chi arrivasse sprovvisto. Si lavora solo su appuntamento: ogni parrucchiere/estetista potrà lavorare su un solo cliente alla volta, dall’accoglienza alla fine del trattamento, per evitare contagi incrociati.

Il test di stamani ha dato esito positivo e il protocollo di sicurezza ha l’ok della Regione e di tutti gli enti coinvolti. «Per quanto riguarda estetisti e parrucchieri, faremo di tutto per riaprire al più presto, nel pieno rispetto delle condizioni di sicurezza – aveva detto l’assessora Bora – Ecco perché abbiamo condiviso un protocollo con associazioni di categoria, ASUR e ufficio igiene regionale. Su questo tema, possiamo e vogliamo fare da apripista a livello nazionale». Oltre a coniugare le esigenze di imprenditori e cittadini, la riapertura anticipata servirà anche a mettere un freno al fenomeno dell’abusivismo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.