Parrucchieri ed estetisti, una petizione online per ripartire | Password Magazine

Parrucchieri ed estetisti, una petizione online per ripartire

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

«Le chiusure prolungate sono ormai insostenibili: serve immediatamente far tornare le imprese a lavorare anche in zona rossa, perché si tratta di attività essenziali. Gli imprenditori sono allo stremo e non possono resistere oltre, le regole devono esserci ma devono essere giuste».

Il grido d’allarme unanime arriva da Confartigianato e Cna, lanciato nella conferenza stampa congiunta tenutasi ieri mattina, alla presenza in collegamento online anche del Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, in merito alla necessità di far tornare a lavorare le imprese del benessere dopo la chiusura forzata in zona rossa decisa con il DPCM del 2 marzo. L’appello è univoco e chiaro: ripartire subito, «perché non c’è più tempo: le aziende sono stremate da mesi di chiusure o limitazioni di attività e non si comprende il perché a gennaio le imprese in zona rossa potessero lavorare seguendo i protocolli di sicurezza e ora da marzo non più, con il nuovo decreto governativo. E’ un controsenso». hanno detto il Segretario di Confartigianato Ancona – Pesaro e Urbino, Marco Pierpaoli, e il Direttore di CNA Ancona, Massimiliano Santini.

Le due federazioni nazionali hanno anche lanciato una petizione online e inviato una comunicazione ai parlamentari a sostegno della richiesta di riapertura delle attività: promosso anche un incontro con la Prefettura di Ancona, per evidenziare come la categoria debba essere considerata essenziale e riaperta in zona rossa. Sono 4098 le imprese del benessere nelle Marche, di cui circa 3mila acconciatori e oltre 1000 estetiste, che danno lavoro a 15mila addetti.

A fronte delle chiusure forzate, peraltro, denunciano le due Associazioni, non è seguita la predisposizione di alcun sostegno economico, come sottolinea Perlita Vallesciani, Presidente CNA Estetiste Marche: «La chiusura delle aziende regolari, nel momento in cui viene ritenuta necessaria, deve essere sostenuta con contributi economici immediati tali da poter garantire la possibilità di coprire i costi fissi e i mancati incassi. Invece  il 70 % delle nostre aziende non percepiranno alcunché a fronte di una spesa investita per dpi e adeguamenti che tra 500 e 1000 euro mensili».

Oltre alle difficoltà economiche, quelle procurate dal fenomeno dell’abusivismo conseguente le chiusure, che ormai sta dilagando sempre più, come ha ricordato Daniele Zucchini, Presidente Confartigianato Benessere Acconciatori Marche: «La chiusura forzata sta implementando il fenomeno, con conseguente aumento dei rischi per la salute delle persone. Vedo in giro persone con i capelli fatti. Gli operatori totalmente abusivi si presentano a casa senza alcun dispositivo di protezione e senza rispettare le misure di sicurezza che invece vengono adottate nei saloni».

Sul tavolo anche le limitazioni della zona arancione, come ha detto Stefania Pellegrini, Portavoce Acconciatori CNA Ancona ha aggiunto che ha detto: «Le imprese erano già state duramente provate dalle lunghe limitazioni agli spostamenti tra comuni imposte dalle norme della zona arancione, dato che il rapporto con la clientela è fiduciario. I clienti vengono spesso dai comuni limitrofi, data la particolare conformazione del nostro territorio, fatto di tanti piccoli borghi. Nonostante tutto, le imprese hanno tenuto duro e sono andate avanti. Poi le chiusure forzate in zona rossa, un vero e proprio colpo di grazia».

Non ci sono più risorse nemmeno per far fronte ai costi fissi, come ha ricordato Ilenia Pigliapoco, Presidente Confartigianato Benessere Estetiste Marche: «Da noi si lavora in sicurezza, con protocolli stringenti, redatti e approvati. Già da un anno lavoriamo con questi protocolli, importanti per il cliente che ci dà fiducia. Abbiamo speso cifre importanti fra sanificazioni, dispositivi di protezione individuali, gel, igienizzanti, buste e contenitori isolanti specifici di cui hanno dovuto dotarsi. Stavamo lavorando bene, con impegno. Anche economico».

Poi l’intervento del Presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli: «Ringraziamo per l’opportunità di confronto, come Regione Marche la nostra posizione è stata sempre una: consentire alle imprese di lavorare seguendo tutti i protocolli di sicurezza, anche laddove ci sono restrizioni importanti. Continueremo a chiedere questo al governo, nel frattempo stiamo lavorando a un provvedimento che consenta il risarcimento delle attività che non hanno potuto lavorare nelle ultime settimane e che non hanno avuto ristori in precedenza».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.