Partecipazione, confronto e testimonianze all'incontro sulle migrazioni | | Password Magazine

Partecipazione, confronto e testimonianze all’incontro sulle migrazioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è svolta mercoledì sera, nella sede di Jesi in Comune, l’iniziativa pubblica “Migrazioni. Accoglienze, identità, territori”. In Piazza Franciolini sono intervenute decine di persone per ascoltare i racconti del sociologo Vittorio Lannutti, che ha moderato il dibattito con Alessandro Fullimeni, coordinatore dei Progetti Sprar della Coop Nuova ricerca Agenzia Res, Giuseppe Buondonno e Gea Cococcioni, entrambi membri del comitato “5 luglio, controllo il razzismo e le discriminazioni – Fermo”.

Dopo un’introduzione di Lannutti, che ha illustrato la differenza tra la «narrazione razzista che viene fatta da gran parte della classe politica italiana e dei mass media, che tendono a presentare il fenomeno migratorio in termini preoccupanti, e la realtà oggettiva del fenomeno migratorio, caratterizzato principalmente da lavoro regolare e desiderio di inclusione sociale». Fullimeni ha spiegato nel dettaglio come funziona la macchina dell’accoglienza in Italia. Il coordinatore dei progetti Sprar della Res, infatti, ha spiegato sia come «storicamente si sia giunti in Italia ad organizzare il sistema Sprar ( Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), nato con la legge sull’immigrazione in vigore, la Bossi-Fini, sia i tanti risultati positivi che questa sta comportando attraverso un’accoglienza diffusa sul territorio, sia gli aspetti da migliorare, dovuti soprattutto ad alcune lungaggini burocratiche, sottolineando anche la differenza tra la prima (Centri di prima accoglienza) e la seconda accoglienza (Sprar)».
Spazio anche alle testimonianze: l’intervento di Fullimeni ha dato lo spunto ad una donna che accoglie a casa sua un ragazzo che non è più beneficiario del servizio Sprar, di parlare dei problemi quotidiani che sta affrontando per garantirgli un’inclusione virtuosa. Buondonno e Cococcioni hanno, invece, raccontato gli episodi razzisti, che hanno preceduto a Fermo l’omicidio di Emmanuel Chidi Namdi, sottolineando che è stato l’ultimo episodio di un percorso che esponenti della destra xenofoba fermana avevano intrapreso da diversi mesi prima del 5 luglio di due anni fa, e che il territorio non ha avuto le risorse sufficienti per arginarli. I partecipanti al dibattito hanno posto diverse domande per avere ulteriori chiarimenti e hanno espresso riflessioni, volte a voler contrastare le istanze xenofobe ed escludenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.