Passeggiata con i Levrieri a Jesi: una mattinata in allegria con i 4 zampe

JESI – Si è svolta nella mattina di ieri la “Passeggiata con i Levrieri” per tutto il centro storico di Jesi.

Un’occasione di confronto, di sensibilizzazione e di gioia quella messa in campo ieri mattina grazie alla cooperazione tra l’Associazione No Profit “Alma Libre Rescue”, che si occupa di trovare una casa ai levrieri spagnoli in Italia, e una delle adottanti dell’associazione in territorio jesino, Pia Ceccarelli.

Una passeggiata che ha avuto come obiettivo quello di informare e di divulgare la situazione dei levrieri, ma anche quello di passare una bella mattinata in compagnia di tutti gli jesini – e non solo – che hanno un levriero come amico a 4 zampe. Alla passeggiata si sono presentati in tanti: circa 30 esemplari  – contando anche qualche piccolo “intruso” – accompagnati dai loro padroni che, partiti da Porta Valle e, passando per la splendida Piazza Federico II, sono arrivati nei locali della “Bocciofila” di Via Ugo la Malfa, dove ad attenderli c’era un bel banchetto, anche per i tanti levrieri, ovviamente.

L’associazione “Alma Libre Rescue” nasce dalla passione di un gruppo di persone che dopo aver visto e vissuto la realtà dei Levrieri spagnoli ha deciso di attivarsi per contribuire al salvataggio dei cuccioli a 4 zampe e, soprattutto, si cercare di sensibilizzare l’Italia riguardo la situazione in cui versano. L’associazione si occupa di qualsiasi cane necessiti aiuto e in particolar modo dei levrieri: è una particolare razza che viene impiegata per la caccia e per la corsa competitiva dietro una lepre viva. Quelli che non sono veloci o adatti alle corse, quelli che si fanno male, quelli che non sono più abbastanza veloci vengono scartati: in Spagna una pessima usanza li costringe alle corse, sottoposti a maltrattamenti e, dopo una media di due anni di vita, possono venire uccisi perché non più capaci di correre come prima. La loro vita trascorre tra buche e catapecchie, dove vengono ammassati in condizioni penose, alimentati con solo pane, costretti a correre a dozzine legati a moto o automobili: in Spagna almeno 50.000 levrieri spagnoli vengono uccisi ogni anno. Una vera mattanza.

“Sono cani buoni e tranquillissimi – commenta Pia Ceccarelli – per alcuni possono essere “scarti”ma per chi li adotta sono gioielli: tutti noi adottanti ci riteniamo fortunati ad aver incontrato questi cani perché sono eccezionali”. L’associazione aiuta a fare proprio questo: una volta salvati i cani da situazioni estreme, curati e messi al sicuro, si mettono alla ricerca di una famiglia in Italia disposta ad adottarli: “Un cane utile per le corse, per la caccia e per tutto ciò che serve all’uomo per aumentare il proprio reddito… diventa un oggetto che, una volta rotto, inevitabilmente si getta”.

Per contrastare questa realtà si può fare molto, e si dovrebbe fare tanto ancora. Per informazioni ed adozioni si può contattare direttamente l’associazione all’email adozioni.almalibre@gmail.com.

C’è un levriero che sta aspettando proprio te!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*