Password intervista Augusto Melappioni | Password Magazine
Festival Pergolesi

Password intervista Melappioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, Augusto Melappioni fa visita alla redazione di Password

La redazione di Password intervista i candidati a sindaco alle elezioni amministrative del Comune di Jesi.

La prima intervista che vi proponiamo è quella ad Augusto Melappioni, candidato a sindaco per il centrosinistra (PD, IDV, SEL, PRI, PdCI, PSI) medico di professione ed ex assessore regionale alla Sanità.

Dott. Melappioni, cosa caratterizzerà il suo mandato?

“Il coinvolgimento della città. Chi è a capo dell’Amministrazione deve essere in grado di stimolare e sollecitare i cittadini, creando le condizioni per il cambiamento. La crisi  che stiamo vivendo non è  soltanto di tipo economico ma anche di identità e soltanto lavorando tutti insieme si può sperare di superarla. Il punto costante, di forza, del mio mandato sarà questo: rilanciare la città”.

Cosa intende per “crisi di identità”?

“Credo che a Jesi si stia perdendo un po’ il senso di appartenenza ad una “comunità”. Non ci si identifica più nella città e la tendenza è quella di chiudersi sempre di più in sé stessi. Questo è dovuto alla mancanza di occasioni, di spazi e di servizi percepiti come adeguati e in grado di favorire la socializzazione e il senso di accoglienza. Il centro storico appare freddo e spento e alle famiglie non resta che isolarsi nelle loro case. Oltre alla crisi, questi fattori esasperano il modo di vivere la città”.

Da dove ripartire allora?

Nella foto, Augusto Melappioni con il direttore della rivista Chiara Cascio

“Uno dei punti da rilanciare è sicuramente l’associazionismo. Rafforzare qualcosa che è già aggregato può essere d’aiuto per la città. Chi fa volontariato, infatti, è già disponibile ad offrire sinergie, risorse culturali e fisiche a favore della comunità. Negli ultimi tempi, l’ associazionismo è caduto in una specie di letargo –  per responsabilità anche di chi sta “in alto” –  per cui prima bisogna favorire questa spinta ad adoperarsi per la città, poi decidere le priorità e le modalità per rilanciarla”.

Coinvolgere il cittadino nei processi decisionali della cosa pubblica: stiamo parlando di partecipazione?

“Oggi si fa un uso smodato del termine “partecipazione”,  è diventato troppo commerciale … ne ho fatto un uso anche io – quando ancora nessuno lo faceva –  nella campagna elettorale del 2007. Oggi lo considero un valore scontato, necessario e indispensabile. Per partecipazione intendo, naturalmente, il coinvolgimento attivo del cittadino: la passività è comoda ma inutile. Credo che il cittadino che partecipa sia non solo informato e consapevole ma anche capace di assumersi le responsabilità, specie nelle decisioni importanti”.

Cosa critica della vecchia Amministrazione?

“La distanza tra il Palazzo e la città … Nel momento in cui la politica si chiude in se stessa e le istituzioni si allontano dai cittadini, si crea un vallo pericoloso e difficile da risanare, specie se si considera, al giorno d’oggi, la crescente tendenza all’antipolitica”.

Da cosa nasce, secondo Lei, questo atteggiamento?

“Indubbiamente c’è una grossa responsabilità da parte della politica. Ma io dico che fa anche un po’ comodo. Un atteggiamento del genere autorizza i cittadini a non partecipare. Attenzione, dunque, a non utilizzare l’antipolitica come pulizia della propria coscienza civica. Da parte di chi amministra, invece, non devono mancare trasparenza, onestà, pulizia politica … il “palazzo di vetro” è una cosa scontata”.

I cittadini si lamentano che “a Jesi non ci sono soldi per fare niente” e vogliono capirne il perché …

“I bilanci devono essere resi pubblici, non c’è dubbio. Io dico di esaminarli e di provvedere a risolvere la situazione, laddove esistano costi troppo alti da sostenere. Se la macchina comunale non funzione bisogna capirne il perché. Poi, bisogna renderne pubbliche le cause … perché chi sceglie di stare in piazza, di fatto, sceglie anche di stare in pubblico”.

Dott. Melappioni,  si sta parlando molto di Lei, in questi giorni, in quanto vittima di “goliardate”. Mi riferisco all’episodio della “strega” che le ha offerto un cesto di mele bacate o forse dovremmo dire ”baccate”, in quanto trattasi di una provocazione del gruppo Jesiamo e quindi “pro Bacci”… (il video qui)

“La storia della mela mi è piaciuta! Chi fa politica deve sapere anche che esiste la satira. A me fa piacere che dei giovani diano segnali di partecipazione. Meglio questo che l’indifferenza”.

Qualcuno si è anche spacciato come suo ufficio stampa, annunciando ai giornali un suo ritiro dalla candidatura …

“Al contrario del primo, questo gesto invece non è stato affatto piacevole … La mail inviata era un falso, inviata da qualcuno che si è finto del mio ufficio stampa . Non lo definirei una goliardata, semmai un reato…”

Perché questo accanimento su di Lei?

“Qualcuno forse sarà stanco della mia presenza …! Sono vent’anni che faccio il politico e quindi capisco che qualcuno potrebbe anche  averne abbastanza di me, specie in un periodo in cui il cambiamento è visto come la soluzione ottimale … O forse mi vedono come l’avversario più temibile, chissà…”

Cosa pensa dei giovani di oggi?

“Coloro che si sono candidati con me sono giovani . Trovo che siano una forza della natura,  il segnale che la forza per il cambiamento c’è. Vivo il rapporto con loro come un passaggio di conoscenze, da me che sono il più esperto a loro che sono i nuovi volti della politica. Sono tutte persone che hanno un percorso professionale avviato e che hanno voglia di rimboccarsi le maniche per la città e non per fare della politica un mestiere. In un giovane ciò che mi preoccupa e che condanno è l’apatia”.

C’è un avversario politico più temuto?

“Ce ne sono due che rappresentano i punti forza dell’opposizione, Bacci e Marcozzi. Però li vedo potenzialmente sul mio stesso livello”.

Paura per l’esito finale?

“Sì, ovviamente. In questo momento in cui la città è amareggiata e delusa da insoddisfazioni di governo, in cui l’antipolitica la fa da padrona, non mi aspetto sorprese ma voglio impegnarmi al massimo per tutta la campagna elettorale, ogni giorno. La mia filosofia è questa: i miei avversari sono bravi … ma io di più!”
Come andrà a finire?

“Io spero che gli Jesini partecipino in molti alle elezioni.  Chiunque vincerà sarà colui che la città ha voluto e rispetterò questa decisione come espressione della partecipazione e della democrazia”.

a cura di Chiara Cascio

© vietata la riproduzione dei testi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.