Pasto sbagliato a mensa, Mason Rocca lancia l'allarme. Il Comune: "Nuovi e più restrittivi controlli".

JESI – “La sicurezza dei bambini che mangiano a scuola non è garantita da chi prepara e consegna loro i pasti”. Queste le pesanti accuse mosse dal famoso cestista dell’Aurora Basket Mason Rocca e sua moglie Corinne nei confronti dell’Amministrazione comunale, dopo aver appreso che al figlio, allergico ai latticini, era stato servito del formaggio.

Nella lettera indirizzata al Sindaco Bacci e a Jesi Servizi oltre che  alle aziende coinvolte nella gestione del servizio mense Gemeaz e Futura, Rocca esprime tutta la sua indignazione: “Uno dei miei figli va in anafilassi dopo pochi minuti se assume latticini ed è stato proprio lui ad avvisare gli operatori di non poter mangiare il piatto: la vita dei nostri figli è messa in pericolo alla mensa della scuola!”

Da gennaio ad oggi, infatti, per tre volte, ai due bambini Rocca sono stati preparati nel centro unico di cottura di via Gramsci, che serve tutti gli istituti cittadini, cibi ai quali i piccoli  sono allergici. In precedenza, era stato il personale addetto a servire ad accorgersi, prima di presentare il piatto al bimbo, della non conformità alle dieta speciale seguita da questo. In un altro caso, invece, era stata una telefonata arrivata in tempo dalle cucine alla scuola a bloccare la somministrazione del pasto sbagliato.

Prontamente l’Amministrazione comunale risponde al segnale d’allarme lanciato dai Rocca: “Il caso segnalato dalla famiglia Rocca è di estrema gravità – fa sapere il Comune –  I tre livelli di controllo interni adottati (cuoca su cucina specifica per le diete, nutrizionista e distributore) – se in due casi su tre hanno permesso di bloccare in tempo l’erogazione del pasto sbagliato – hanno evidenziato nel terzo i propri limiti. Dunque non sono sufficienti”.

Jesiservizi ha attivato subito le procedure per concordare con la Gemeatz e la Commissioni Mensa nuovi e più restrittivi controlli. Si sono già attivate tutte le revisioni necessarie alle procedure per garantire la totale e assoluta sicurezza dei pasti in dieta. Anche perché tali pasti, tra diete cliniche e speciali, interessano ben 110 alunni e dunque una platea ampia e molto variegata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*