PD Jesi, Carlo Urbani: «Pronta una squadra di lavoro sulla sanità» | | Password Magazine

PD Jesi, Carlo Urbani: «Pronta una squadra di lavoro sulla sanità»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il PD fa squadra intorno il tema del walfare e della sanità. Indetta questa mattina una conferenza stampa alla Casa del Popolo, alla presenza del segretario del PD Jesi Stefano Bornigia, del consigliere regionale Enzo Giancarlo, del capogruppo consiliare Osvaldo Pirani e del responsabile e coordinatore del gruppo di lavoro per la tutela della sanità Elvio Giaccaglini.

Obiettivo, creare una cittadella della salute intorno al Carlo Urbani, puntando sulla tecnologia e su una buona programmazione.

Individuata dunque una commissione che metterà mano ad un quadro d’azione di più ampio respiro a tutela dei cittadini: «C’è una squadra all’opera, pronta a prendere insieme delle decisioni – ha detto il consigliere regionale Giancarlo – Jesi è una delle poche realtà che ha visto l’ultimazione della struttura ospedaliera ma questo è solo il punto di partenza».

«Una questione importante, su cui il Pd ha individuato un gruppo di lavoro, coordinato da Giaccaglini, per mantenere costante l’attenzione sul nostro ospedale  – ha precisato Bornigia – Sanità tutto sommato buona, a Jesi, grazie al forte impegno di Giancarli, sempre presente e vigile sul territorio».

Secondo Giaccaglini, la situazione è da analizzare nel suo intero, smettendo di correre dietro alle singole emergenze: «Alcune problematicità del Pronto soccorso sono legata alla carenza dei posti letto post acuti e alla mancanza di accreditamento di posti letto per la gestione delle patologie riguardanti disturbi comportamentali nelle demenza. Occorre lavorare insieme facendo sistema con le istituzioni locali e sanitarie della Vallesina, facendo leva sulla capacità di incidere sulle decisioni della Regione».

È necessario mantenere e rafforzare il nuovo ospedale con scelte che garantiscano elevate competenze, tecnologie e professionalità. La ristrutturazione del vecchio Murri potrebbe essere la soluzione per destinare nuovi spazi alle RSA, alle patologie nelle demenze e ad un nuovo reparto con 40 posti per i ricoveri post-acuti (attualmente ne somo previsti 20 al vecchio edificio di viale della Vittoria e 20 nella Casa di Riposo). 

Una riqualificazione dovrà interessare anche tutto il bosco urbano intorno al vecchio Murri che potrà diventare fruibile alla città: «L’ospedale al momento funziona molto bene, dimostrando solidità e professionalità – ha detto Osvaldo Pirani – Certo, ora dovrà crescere, trovare una sua identità e potrà farlo investendo risorse nella copertura dell’organico che deve diventare un processo automatico – basta a buchi e latenze – e in conto capitale, nella tecnologia, in particolare, e nella chirurgia robotica».

Nell’ambito dello sviluppo tecnologico, è intenzione della commissione proporre la creazione di una sala angiografica, fondamentale nel settore cardiologico per smaltire i lunghi tempi di attesa «e tappa di un percorso di qualità che completa l’iter. E’ chiaro che, per poter procedere in questa direzione, occorrerà garantire la professionalità, le competenze e le specialità del Carlo Urbani – come nel caso di Broncopneumologia che sarà accorpato a Medicina pur di mantenere a Jesi il servizio – oltre che tutelare la programmazione del sistema sanitario regionale».

Chiara Cascio

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.