PD Jesi: "Finalmente uniti a sostegno di Pirani" | | Password Magazine
Lulù  

PD Jesi: “Finalmente uniti a sostegno di Pirani”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – “Se vogliamo considerare l’assemblea degli iscritti al Pd di Jesi di giovedì sera alla Casa del Popolo come il primo, doveroso, impegno pubblico del candidato a sindaco Osvaldo Pirani, possiamo solo dire che l’avventura parte con il migliore degli auspici – Così il PD Jesi in un comunicato stampa a seguito dell’assemblea di giovedì sera – Sala piena, come raramente si è vista, totale sintonia, unità di intenti e tanta voglia di fare nelle parole di tutti”

Il partito a Jesi è atteso da una campagna elettorale molto difficile. Inoltre, questi mesi saranno anche attraversati da un congresso di partito: “Occorre capire come questo appuntamento di carattere nazionale saprà incidere sulle questioni locali-  è emerso dall’assemblea – La convinzione, da parte dei presenti, è che la partita elettorale sia aperta, grazie soprattutto alla capacità del partito di convergere su una candidatura condivisa da tutti, e che il congresso alle porte possa essere non un motivo di contrasto, ma anzi un’opportunità di confronto disteso e visibilità da cogliere al meglio”.

Il segretario Pierluigi Santarelli ha raccontato il percorso intrapreso dal partito nell’ultimo anno per arrivare alla scelta del candidato e per raccogliere le idee che finiranno nel programma.

Sul capitolo alleanze Santarelli ha detto: “Purtroppo non è stato possibile allargare il campo del centro-sinistra, ma noi sappiamo che i nostri veri avversari sono dall’altra parte e continuiamo a lavorare per un’area progressista più coesa e ampia possibile”.

Il candidato Osvaldo Pirani ha chiamato a raccolta i suoi chiedendo l’aiuto di tutti in questa avventura lunga, faticosa ed entusiasmante: “A prescindere dalla mia figura, il risultato più importante è quello di avere a Jesi un partito unito. Questo è il motivo che mi ha spinto ad accettare la candidatura, insieme alla possibilità di avere al mio fianco una squadra giovane, fresca, determinata che possa porre le basi per il futuro della città”.

E ancora: “Il mio nome riesce a mettere fine alle divisioni, quindi abbiamo un’ottima base di partenza. Mi fa particolarmente piacere vedere qui stasera Matteo (Marasca, ndr), che per il bene del partito ha saputo mettere da parte le sue convinzioni e ha accettato di dare una mano alla campagna”.

Lo stesso Marasca, che aveva mal digerito l’intenzione del partito di rinunciare alle primarie per scegliere il nome del candidato, ha ribadito che il Partito Democratico è casa sua e che darà una mano alla causa comune, pur scegliendo di non entrare in lista per lasciare spazio, dopo 10 anni di consiliatura, ad altre persone desiderose di tentare questa esperienza.

Presenti alla Casa del Popolo anche Enzo Giancarli, Fabio Badiali e il coordinatore del Pd della Media Vallesina E non a caso: il Pd che ambisce a governare Jesi è un Pd che vuole uscire dall’isolamento cui Bacci ha costretto la città in questi 5 anni, che guarda con attenzione ai rapporti con le istituzioni sovracomunali e che chiede di essere punto di riferimento per l’intero territorio.

Così Badiali: “Bello vedere stasera la sala piena, sono felice che il Pd di Jesi sia ora unito intorno al nome di Osvaldo. La Vallesina senza Jesi non conta niente e in questi 5 anni lo abbiamo visto bene. Un tempo Jesi era una realtà importante a livello regionale e il sindaco di Jesi contava più di quello di Ancona e di Pesaro. E’ ora di tornare a crescere e a contare di più, per cogliere le opportunità che vengono da fuori. E questo lo possiamo fare solo con un governo di centro-sinistra unito e forte”.

Tra i tanti ad intervenire anche Lorenzo Fiordelmondo: “Finalmente si inizia a correre. Personalmente ero contrario alle Primarie, che non avrebbero fatto altro che acuire i conflitti. Invece grazie allo sforzo fatto da tutti, oggi siamo uniti e competitivi. Attenzione però: Osvaldo da solo non basta. Intorno al suo nome dobbiamo saper costruire una squadra giovane e forte. Importante sarà lanciare il messaggio di un Partito che sa guardare fuori dalle mura cittadine e che sa guardare avanti”.

Nicola Vannoni è già in clima di campagna elettorale: “Dobbiamo essere bravi a trasmettere ai nostri concittadini l’orgoglio di votare Pd, l’orgoglio di votare per una forza di sinistra. E per questo dobbiamo tornare a parlare di solidarietà e fiscalità, di sviluppo, di equità, di prospettive, dopo anni in cui si sono privilegiate solo le classi abbienti e si è badato più che altro alla gestione ordinaria delle cose. Se sapremo formulare contenuti di questi tipo e se saremo in grado di trasmetterli ai cittadini, allora ce la possiamo fare”.

“Più di una mano alla causa” è pronto a darla Ero Giuliodori, anch’egli in passato indicato come papabile candidato. “Basta riflessioni sul passato -ha detto Ero- cominciamo a proiettarci sul domani. Abbiamo un candidato forte e autorevole, che offre garanzie al partito e alla città. Bacci ha speso tanti soldi per commissionare uno studio ad una agenzia autorevole, la quale ha confermato ciò che noi diciamo, e cioè che in città ci sono tanti problemi che questa Amministrazione non è stata capace di risolvere. Dobbiamo partire da quelli per una proposta seria e di prospettiva. Un programma di sviluppo che guarda a sinistra, al dna di questa città, che vuole tornare ad essere un modello di riferimento per la regione”.

Insomma, il Partito Democratico a Jesi c’è ed è unito in tutte le sue componenti. Osvaldo Pirani ha un lungo cammino da fare ma sa di non essere solo.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.