PD Jesi: «Maggioranza respinge appello Mai più Fascismi, fatto politicamente grave». | Password Magazine

PD Jesi: «Maggioranza respinge appello Mai più Fascismi, fatto politicamente grave».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il PD Jesi, a seguito dell’ultimo Consiglio comunale di fuoco avvenuto martedì scorso, in cui ha abbandonato l’aula insieme a Jesi in Comune prima di una votazione, invia le proprie considerazioni a riguardo: «La maggioranza che sostiene l’Amministrazione Bacci è riuscita a respingere l’appello, redatto da Partiti e associazioni democratiche e cattoliche del nostro Paese, contro il riaffiorare di impulsi fascisti. Fatto politicamente grave, per la storia di una città come Jesi che declina persino nel proprio Statuto la definizione di Comune ANTIFASCISTA.

L’appello fatto proprio da tutte le forze di minoranza consiliare, tranne la Lega Nord, aveva l’obiettivo di lanciare un richiamo alle proprie responsabilità tutti i livelli istituzionali, affinché si attui pienamente la XII Disposizione della Costituzione (“E’ vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”). Il tutto a pochi giorni dal monito del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha avuto parole chiare ed inequivoche sul fascismo, messaggio questo rafforzato dalla nomina della Senatrice a vita Liliana Segre. Un appello lanciato in occasione della doppia ricorrenza della giornata della memoria e delle leggi razziali del 1938.

La maggioranza di Jesi – compreso il Sindaco Massimo Bacci – (con le sole astensioni dei Consiglieri Fantini e Cioncolini) è invece riuscita a votare anche contro questo appello ad una responsabilità istituzionale e storica. Lo ha fatto per mascherare la propria trasversalità, che le impedisce di prendere posizioni politiche chiare, anche laddove esse sono semplici e storicamente accertate.

Inoltre tutto ciò è stato fatto in modo offensivo, avanzando alle forze politiche di minoranza accuse per un’inesistente speculazione elettorale. Un’accusa ridicola, che offende profondamente, nel merito e nel metodo, la storia e le istituzioni democratiche della nostra città.

Di fronte ad un fatto che non ha precedenti nella storia istituzionale di Jesi, il gruppo consiliare del PD, prendendo atto della situazione che si era venuta a creare, con una votazione manifestamente in contrasto con la Costituzione e lo Statuto del Comune di Jesi, insieme ai consiglieri di opposizione della lista civica Jesi in Comune, ha manifestato il proprio dissenso uscendo dall’aula consiliare.

Lo ha fatto per manifestare in modo palese la propria contrarietà e perché Jesi è e rimarrà sempre ANTIFASCISTA».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.