PD Jesi: "Nuova Banca Marche garantisca occupazione e servizio al territorio"

JESI – Il Partito Democratico di Jesi sottoscrive un documento in merito alla questione Banca delle Marche e al destino dell’Università a Jesi e al ruolo che devono avere Comune e Fondazione Carisj nella sua sopravvivenza.

In una nota stampa, il Gruppo consiliare del PD Jesi afferma: “È necessario fare chiarezza sulle responsabilità della crisi di Banca delle Marche.

Responsabilità che sono da identificarsi in diversi CdA della banca succedutisi negli anni, nella vecchia dirigenza delle Fondazioni, che non potevano dirsi all’oscuro della grave situazione, e in buona misura alla scarsa incisività dei controlli di BankItalia, frequenti ma stranamente inefficaci.

La magistratura faccia il suo corso e velocemente: le responsabilità diffuse che hanno portato a distruggere un intero territorio, i cui effetti dobbiamo ancora vedere per intero, non possono rimanere impunite. I cittadini truffati ed espropriati dei propri investimenti devono trovare giustizia.

Ma sia chiaro: il provvedimento del Governo si è reso necessario per salvare la banca e i suoi correntisti o diversamente sarebbe stato un bagno di sangue, per gli stessi correntisti, per i dipendenti, che avrebbero perso il posto di lavoro, e, in ultima analisi, per il territorio intero della Vallesina e oltre.

Ciò non significa quindi che gli azionisti siano speculatori. Anzi!

Massima solidarietà a chi ha perso i risparmi di una vita, spesso mal consigliati da indicazioni di scuderia difficilmente condivisibili. Ai risparmiatori speriamo perciò si possa dare massimo ristoro.

Sulla Fondazione Carisj, che deve continuare l’opera di radicale riduzione dei costi di gestione interna, sarebbe opportuno che il Sindaco Bacci non faccia di ogni evento una questione personale. La Fondazione negli anni ha erogato tantissime risorse per il welfare, la cultura, il volontariato, la formazione. Quindi oggi chiederne la chiusura non ha senso.

 

Dal Sindaco ci aspettiamo un atteggiamento collaborativo, idoneo al suo ruolo. Che Sindaco e Fondazione Carisj possano assumere una strategia condivisa sul mantenimento dell’Università jesina, della quale Comune di Jesi e Carisj sono i due maggiori soci. Dalla Fondazione Carisj, seppur consapevoli delle difficoltà, ci attendiamo che faccia uno sforzo per permettere la sopravvivenza del polo universitario cittadino a mezzo di una contribuzione che, seppur ridotta, dia continuità all’opera che la Fondazione Colocci ha svolto sino ad oggi, con importanti risultati nell’offerta formativa e nel numero di iscritti. Garantire il mantenimento della sede universitaria jesina significa avere a disposizione uno strumento di sviluppo del territorio, in grado di proporsi come autorevole ente formativo e di essere un motore di relazioni di una intera comunità. Un’Università di un territorio anche più ampio, aprendosi anche alla società, all’imprenditoria, al mondo del volontariato e dell’assistenza e alla formazione delle fasce più giovani e più fragili.

Allo stesso modo, riguardo alla vendita di Nuova Banca Marche, la politica e le istituzioni cittadine e sovralocali dovranno attivarsi perchè il soggetto acquirente metta in condizione la banca di continuare a garantire il credito alle realtà del territorio marchigiano e tutelare in ogni forma dipendenti, precari e correntisti. L’occupazione comunque, in questo momento, è la priorità delle priorità tra le misure da intraprendere sul futuro della Banca”.

Comunicato da: PD Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*