PD Jesi: "Ponte San Carlo, mancanza di risorse? Basta con le scuse" | Password Magazine

PD Jesi: “Ponte San Carlo, mancanza di risorse? Basta con le scuse”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “E’ giusto che i cittadini sappiano che alla prima opera pubblica importante di questa amministrazione, i due gruppi di maggioranza cercano di giustificare la mancanza di risorse per la probabile realizzazione del ponte San Carlo, arrampicandosi sugli specchi scaricando, dopo sette anni di governo della città, le responsabilità sulle passate amministrazioni. Desta sconcerto questo metodo oramai diventato un refrain che vede questa amministrazione non prendersi le proprie responsabilità”.

Sono le parole di Stefano Bornigia, segretario del Partito democratico di Jesi: “Su questa necessità della ricostruzione del ponte San Carlo prima ci si chiede di collaborare, cosa che noi faremo a prescindere, poi si esce sulla stampa con questo attacco che evidentemente tende a coprire una incapacità di amministrare, tanto da minare il mantra che questa amministrazione è riuscita a risanare il bilancio. Da sottolineare che questa Amministrazione non è mai stata lasciata sola dalla Regione e dal Governo a guida Partito Democratico. Pensiamo che prima di cercare scuse, dovrebbero meditare sul perché non vengono incassate le entrate, come stanno a dimostrare i 25 mln di euro di residui attivi da incassare (di cui 8 mln riguarda crediti precedenti al 2016 ), perché non viene fatta una seria lotta all’evasione tributaria, visto che l’evasione IMU accertata viene riscossa soltanto per il 19%, l’evasione della Tarsu/Tia/Tasi soltanto per 54% secondo gli ultimi dati del rendiconto 2017. Magari con l’occasione questa amministrazione potrebbe anche spiegare meglio il buco di bilancio della Fondazione Pergolesi-Spontini. Questi due gruppi di maggioranza debbono capire che governare significa anche farsi carico di situazioni pregresse. I contenziosi hanno sentenze definitive dopo diversi anni anche questa amministrazione probabilmente lascerà debiti fuori bilancio che verranno gestiti da chi in futuro governerà a Jesi. Capiamo le difficoltà dell’amministrare ma serietà vuole che dopo sette anni di governo non si continui a dire che tutto ciò che accade in negativo è sempre colpa di altri, anche perché questa Amministrazione se non realizzerà il nuovo ponte, anche il futuro Sindaco potrebbe dire di aver ereditato questo debito da chi c’era prima”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.