«Scuola via Asiago, cantiere senza fine. Comune cancella interventi a strade e marciapiedi»

JESI – «Mentre l’Amministrazione Comunale continua a non dare risposte sulla scuola di Martiri della Libertà, nello stesso Consiglio Comunale di giovedì scorso la stessa Giunta cancella di fatto un milione di interventi per strade e marciapiedi per acquistare due immobili in via Guerri ed in via Acquaticcio, che andranno a determinare un ulteriore indebitamento nel 2021». Lo sostiene il PD Jesi, all’opposizione in Consiglio comunale con Andrea Binci come capogruppo: «Questo infatti è quello che è successo nell’ultimo Consiglio, in cui hanno protestato i genitori della scuola Martiri della Libertà, che attendono la riapertura del plesso di via Asiago da settembre 2018. Il cantiere è fermo e non se ne vede la fine, con la conseguenza che gli studenti continuano ad essere suddivisi in tre plessi scolastici.

Al tempo stesso questa Amministrazione Comunale con indubbia solerzia ha presentato ed approvato di fatto la cancellazione degli interventi per strade e marciapiedi per quest’anno per quasi un milione di euro, in quanto il mutuo previsto è ora stato spostato per coprire gli acquisti degli immobili di via Acquaticcio e di via Guerri, che costeranno 1.784.400 di euro e che andranno ad aumentare l’indebitamento del Comune per il 2021 di ulteriori € 851.800.

L’Amministrazione Comunale ovviamente dice il contrario, ovvero che le mancate risorse saranno coperte dalla vendita dei terreni di via Appennini Bassa, che sono ancora di Progettojesi. Ma per come vanno i lavori pubblici – e la scuola Martiri della Libertà ne è solo un esempio – pensiamo che queste vendite ed i relativi lavori pubblici previsti, difficilmente potranno essere realizzati nell’anno in corso.

Auspichiamo quindi che l’Amministrazione Comunale dia una risposta ai genitori e gli alunni della scuole Martiri della Libertà. Se pensano di essere così rapidi nei lavori pubblici nel 2020, anche quando ancora non si hanno in cassa nemmeno le risorse necessarie per gli stessi, ancora maggiore solerzia dovrebbe essere utilizzata dall’Amministrazione comunale per chiudere i lavori già finanziati da tempo, come la ristrutturazione della scuola Martiri della Libertà».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.