PD Jesi: «Tasse, stangata per gli jesini a chiudere il 2018 »

JESI – Attacco diretto e proposte concrete da parte del Partito Democratico di Jesi nei confronti dell’amministrazione Bacci per il bilancio di previsione 2019 approvato ieri.

Il Partito Democratico di Jesi non è sicuramente soddisfatto della gestione da parte dell’Amministrazione Bacci dell’anno che sta per giungere al termine, definito dal partito “un altro duro colpo” per gli jesini, soprattutto in termini di tributi locali. Infatti, con l’approvazione dell’ultimo bilancio di previsione la tassa sui rifiuti viene aumentata a famiglia, per quanto riguarda la parte variabile, del 5,6%: se sommiamo i due incrementi della TARI degli ultimi due anni l’aumento è pari al 15%. “Ma le cose non vanno certo meglio per le attività produttive che vedono aumentare la tassa sui rifiuti dell’1% per tutti i settori – spiega il consigliere comunale Andrea Binci – e rimane confermata anche per il 2019 la tassa di soggiorno introdotta l’anno scorso che è servita a finanziare anche la progettazione degli allestimenti natalizi in Piazza della Repubblica”. Gli investimenti previsti per il 2019 sono quasi tutti sulla carta, legati in gran parte alle alienazioni immobiliari che sicuramente non arriveranno in questo periodo di crisi del settore immobiliare: il piano delle alienazioni comunali è praticamente un copia e incolla di quello dell’anno scorso. “Come si fa a prevedere già nel 2019 vendite per € 4.961.800,25, tra cui l’immobile dell’Ufficio Anagrafe, quando nel 2017 le vendite sono state di € 178.822,23? – prosegue il consigliere comunale – ma le cose non vanno certo meglio per gli acquisti di beni e servizi, in cui si prevede di attivare un incarico di due anni per complessivi € 89.000, al fine di sistemare i numeri civici cittadini, quando gli stessi vengono attribuiti dal Comune”.

D’altra parte, il Partito Democratico ha provveduto a presentare emendamenti per incrementare i fondi per le manutenzioni stradali: nei prossimi tre anni realizzare nuove rotatorie per migliorare la viabilità e la sicurezza stradale di Viale del Lavoro (Incrocio Erbarella ed incrocio con Via San Giuseppe).  Ma hanno anche presentato proposte per anticipare misure per l’abbattimento delle barriere architettoniche in Comune. Tutte queste proposte sono state tutte prontamente respinte dalla maggioranza, ma confidano che l’Amministrazione Comunale le prenda in considerazione, così come ha fatto per la rotatoria di Via Ancona con Via Don Battistoni e della prossima rotatoria sperimentale che si andrà a realizzare all’incrocio tra Via Ancona e Via Don Minzoni: progetto che da diversi anni veniva proposto dal PD, ma sempre bocciato. “Insomma, un bilancio senza una chiara visione politica di dove proiettare la città di Jesi nei prossimi anni, in cui molti interventi rimarranno solo sulla carta, poiché basato su stime non attendibili – conclude il consigliere Binci – il Partito Democratico di Jesi ha svolto e continuerà a svolgere la propria funzione di opposizione non preconcetta, nell’interesse della città e dei suoi cittadini, nonostante la chiusura al dialogo su ogni argomento da parte di questa Amministrazione Comunale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*