PD Jesi verso una soluzione unitaria: presto programma e candidato sindaco | | Password Magazine
Lulù  

PD Jesi verso una soluzione unitaria: presto programma e candidato sindaco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – Entro il 15 febbraio, nell’ambito dell’Unione comunale, il PD Jesi annuncia che farà quadro sul programma elettorale e sulla figura del candidato sindaco. Ad annunciarlo è il segretario Pierluigi Santarelli affiancato dal capogruppo PD Matteo Marasca nell’incontro di questo pomeriggio con la stampa. Obiettivo, offrire agli elettori una proposta di centrosinistra che sia rappresentativa del sentimento riformista e progressista della città: “Il PD ha tutte le carte in regola per vincere la sfida e tornare ad amministrare.  Il tempo che ci siamo presi è servito per valutare le scelte giuste. Dobbiamo tornare a far politica in mezzo alla gente”. Durante l’Unione comunale, in presenza del consigliere regionale, potrebbe essere annunciato non solo il programma ma anche il candidato in grado di mettere d’accordo tutti, senza dover passare per le primarie dapprima sostenute da Marasca: “E’ probabile che si troverà una soluzione unitaria, non possiamo più presentarci così – ha dichiarato il capogruppo del PD – Ad ogni modo mi rimetto a quanto stabilirà il partito”.
Anche sull’aspetto delle coalizioni, tutto dipenderà da quanto si deciderà all’Unione comunale.

Secondo Santarelli è tempo dunque per il PD di aprire la campagna elettorale e di farlo mettendo i puntini sulle i: “Sino ad oggi, gli articoli usciti sulla stampa dal sindaco Bacci ci spingono a ristabilire un minimo di obiettività. Soprattutto quando si affronta il tema del bilancio – afferma – Questa Amministrazione ha più volte rimarcato la notizia di essere riuscita a rimettere a posto i conti. Eppure, non viene mai spiegato che il calo dell’indebitamento era iniziato già dalla Giunta precedente. Uno studio Confindustria del 2012, affermava che il Comune di Jesi aveva il minor livello di tassazione tra i Comuni di rilievo marchigiani ed il suo indebitamento era sotto la media”.

Dopo aver perso le elezioni, sempre al PD vennero attribuiti i pesanti costi sostenuti durante la nevicata del 2012, massacrando il bilancio comunale: “Quei soldi sono tornati ma non sono stati restituiti ai cittadini, quanto piuttosto opportunisticamente utilizzati da Bacci per sistemare le strade in campagna elettorale. E poi c’è la tassazione. Abbassando il tetto dell’esenzione dai 15 ai 10 mila euro di reddito, questa Amministrazione sta facendo quadrare i conti sulle spalle delle fasce più povere della popolazione: parlo dei precari, dei pensionati, dei lavoratori part time costretti a pagare tasse per sanare le casse del comune. Noi non abbiamo mai chiesto questo tipo di sforza ai cittadini”.

Per quanto riguarda la tassa sui rifiuti, considerati gli aumenti che ci sono stati, il PD si interroga se il sindaco è consapevole del progetto che il Partito Democratico sta varando con azioni d’ambito territoriale che coinvolge altri Comuni della provincia: “Il Comune di Jesi è favorevole ad una grande holding provinciale che sia in grado di fronteggiare il problema dell’aumento dei costi di servizio? Come è avvenuto in maniera virtuosa per l’acqua con Multiservizi, questa potrebbe essere l’occasione per fare un salto di qualità. O Jesi vuole rimanere nel suo fortino?  Il rischio è di finire in mano a soggetti privati e noi crediamo che questo tipo di servizio debba rimanere in mano pubblica”.

Il segretario del PD ha poi puntualizzato come l’Amministrazione insediatasi nel 2012 abbia potuto sostenere progetti e iniziative sulla base di fondi nazionali o comunitari intercettati dalla precedente: “Ora dato che i fondi a disposizione sono quasi del tutto esauriti, questa Amministrazione si è attivata con operazioni di found rising? Ha avuto l’oculatezza di reperire fondi per i prossimi anni?”.

Altro nodo sollevato dal PD, riguarda il Piano strategico: “L’Amministrazione precedente si era incartata sulla questione SADAM, protagonista di una delle crisi più importanti di questo territorio – ricorda Santarelli – All’epoca, era stato affatto un accordo con Maccaferri, oggi invece si parla di “Piano strategico” in cui ad essere commissionata è la società finanziata e collegata con la SADAM. Ora quand’è che è opportuno che un Piano strategico di questo territorio venga fatto e tra l’altro cofinanziato dall’Amministrazione per un importo di 30 mila euro da qualcuno che è espressione degli interessi specifici che quell’azienda ha su questo territorio? “. Poi la questione si sposta sulla riconversione e dell’importanza di quelle decine e decine di migliaia di metri quadri per questo territorio:  “La variante fatta nel 2016 aumenta la volumetria commerciale da 46 mila a 48 mila metri quadri mentre riduce le aree produttive da 62 a 42 mila. Il palazzetto che sorgerà sulle aree produttive sarà in grado di offire posti di lavoro? Cosa pensano i commercianti di tutto questo?”.

Sullo spostamento del monumento Pergolesi, anche qui il PD è stato chiamato più volte in causa: ” Dicono di aver ereditato il progetto da noi: è vero, per captare fondi extra comunali, avevamo presentato un progetto preliminare – spiega Santarelli – Tuttavia Bacci può decidere di apportare delle modifiche, così come è stato fatto per l’ascensore di via Castelfidardo, e di ragionare se sia anche il caso di liberare o no ora, in occasione degli interventi di riqualifica della piazza, anche l’abside di San Nicolò”.

Infine, un invito a riflettere sui prossimi cinque anni: “La città rischia di rimanere isolata. E’ necessario puntare su una filiera politica amministrativa che faccia dialogare Comune, Regione e Stato: cosa che il PD può fare. In programma, presenteremo un progetto per fare in modo che il PD prende in mano la situazione e proceda in sintonia verso un nuovo sviluppo”.

(Chiara Cascio)

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.