PD, Stefano Bornigia: "Lavoreremo per la città perché vogliamo ritornare ad amministrarla" | | Password Magazine

PD, Stefano Bornigia: “Lavoreremo per la città perché vogliamo ritornare ad amministrarla”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Al timone, ancora una volta, del Partito Democratico cittadino.

Stefano Bornigia, neo segretario, ne avrà, però, di gatte da pelare. Incarico a tempo, una scelta interna dopo le dimissioni di Pierluigi Santarelli, giusto per ridare smalto a quello che in città era il partito più forte, che aveva governato ininterrottamente per quasi dieci lustri rimanendo, poi, nel 2012, con niente in mano dall’oggi al domani.

Era il declino, lento, veloce, inesorabile.

Sono finiti i tempi belli, quelli che “una volta c’era una fedeltà molto forte verso il partito. Adesso non c’è più”.

“Ci sono da ricostruire le varie anime organizzative, come i circoli. E in questo senso ho trovato collaborazione da parte dei coordinatori. Soprattutto bisogna dare una motivazione agli iscritti del Pd, agli organismi, per risorgere dopo la sconfitta elettorale delle amministrative. E’ evidente che il morale non è alto”.

E per dirlo lui, che ha navigato tanto sul mare di questa sinistra, c’è da credergli. D’altronde i fatti, anzi i voti, lo dimostrano, pur con un distinguo “perché c’è differenza tra elezioni politiche e amministrative. Lo sapevamo anche prima. Si è visto che, anche votando a favore del civismo, non è che venga stravolto nulla dal punto di vista amministrativo. Si va avanti come se fosse un partito. Questo è un fatto e lo vediamo anche in altre realtà”.

La foglia di fico, per il momento, resta il fatto che “quando ci sono le elezioni politiche – distingue Bornigia – il livello-voti del Pd non è affatto quello misero venuto fuori dalle amministrative. Credo che nel 2012 sia successo un fatto importante: la gente si è abituata a votare le liste civiche anche se, poi, su scala nazionale fa andare il suo voto su partiti politici organizzati. Certo, a Jesi c’è stato un calo enorme. Errori, probabilmente, ne abbiamo fatti, anche nell’amministrare. E questo ci dovrà servire da lezione per ricominciare”.

Lo snodo, dunque, sarà il congresso da tenersi entro il 15 ottobre “ma non so se questo limite verrà rispettato, in quanto alcune scadenze, come l’inizio del tesseramento, sono slittate”.

Da quell’assise, comunque, uscirà il volto di chi dovrà condurre il partito alla rivincita e il rinnovo degli organismi per dare maggiore agibilità politica al partito.

E Bornigia dovrà fare in modo che si arrivi a quell’appuntamento compatti, magari litigando il meno possibile, cercando di comportarsi, cioè, come democrazia comanda.

Il tempo che ho a disposizione è poco. Cercheremo di fare il massimo organizzando prima i circoli poi preparandoci al congresso che ancora non so come faremo, se per mozioni o unitario. E’ ancora tutto da vedere. Se si va al congresso per mozioni ci saranno una maggioranza e una minoranza, con rapporti che dovranno essere normali, come avviene in ogni circostanza simile, affrontarlo serenamente senza che, poi, ci siano strascichi polemici, rivendicazioni future, e si ricominci con la solita giostra. In un momento così difficile credo però che ci voglia unità ”.

Il futuro segretario, dunque “Dovrà essere una persona soprattutto molto equilibrata, che sappia ascoltare tutti e sappia mediare. E abbia la capacità di coinvolgere. Giovane o meno non fa differenza. Queste sono le caratteristiche fondamentali”.

 E il rapporto con il nuovo gruppo consiliare?

“Ad ogni riunione di gruppo il segretario c’è. In questo senso abbiamo cominciato bene. Ci siamo sempre rapportati. Ci stiamo muovendo insieme, come deve essere”.

Guardando al futuro, anche non prossimo, Bornigia, non ha alcun dubbio, in quanto “dobbiamo riportare il Pd ad amministrare la città. Sarà un percorso sicuramente non facile. Dipenderà da noi e, in parte, da quello che succederà a livello nazionale, un’influenza in questo senso c’è sempre. Noi faremo il massimo. Cercheremo di aprirci alla città, cosa che abbiamo sempre detto ma è stato sempre difficile mettere in atto. Essere inclusivi è fondamentale. Non è facile, è una grande fatica e ci vogliono capacità e saper comunicare. Le cose, oggi, cambiano continuamente e quello che è vero oggi potrebbe non esserlo più domani. L’impegno, rispetto al passato, è molto più grande e importante”.

L’azione politica si svilupperà attraverso il propugnare “ l’attenzione alle fasce più deboli della città, guardando anche alla tassazione. Punteremo sul sociale, verso quelle tematiche che sono sempre state nel nostro Dna. Ovviamente ci sono anche altri aspetti importanti ma seguiremo tutto con attenzione per fare in modo che le scelte dell’Amministrazione vadano nella direzione giusta. Speriamo che le nostre idee, se buone, vadano sostenute. Il nostro interesse è lavorare per Jesi e ritornare ad amministrarla quando sarà il momento”.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.