«Peba ed economia di ricircolo, iniziative accolte all'unanimità in Consiglio» | Password Magazine

«Peba ed economia di ricircolo, iniziative accolte all’unanimità in Consiglio»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – «L’approvazione del Piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche (P. E. B. A.) e la creazione di un’economia di ricircolo che va aiutare famiglie bisognose attraverso sconti sulle tariffe comunali, rappresentano un punto di arrivo ma soprattutto un inizio verso la concreta ed effettiva attuazione del senso più alto e bello di appartenenza ad una comunità, ed è uno dei punti più importanti del programma del gruppo di RitroviAmo Castelbellino: promuovere e incentivare il vero valore civico». I consiglieri all’opposizione di Ritroviamo Castelbellino, con a capo Federica Carbonari, si dicono orgogliosi che «queste iniziative vengano approvate all’unanimità dal Consiglio Comunale». La mozione, presentata da Ritroviamo Castelbellino ed emendata dal consigliere di maggioranza Rossano Basili, propone all’Amministrazione comunale di attuare sgravi sull’imposizione tributaria in materia di rifiuti per chi contribuisce alla limitazione dei residui alimentari, evitando gli sprechi e aiutando le famiglie bisognose in un momento difficile.

«Si tratta in sostanza – si legge nel documento – di mettere in atto buone pratiche amministrative e condotte di vita che consentano di applicare i princìpi fondamentali della cosiddetta “economia circolare”, con innegabili vantaggi per le fasce deboli della popolazione, che dovrebbero essere collocate al centro di qualunque politica che aspiri a
definirsi anche solo marginalmente responsabile».

Accolta all’unanimità anche la mozione di Ritroviamo Castelbellino, sempre emendata dal consigliere di maggioranza Basili, che invita il Comune di Castelbellino ad attivarsi per dotarsi del PEBA, «uno strumento di pianificazione e di programmazione urbanistica che un Ente Locale dovrebbe comunque elaborare per individuare le varie barriere architettoniche presenti nel territorio e mettere in cantiere tutta una serie di interventi per la loro eliminazione nel corso degli anni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.