Peba, Jesi approva il piano per abbattere le barriere architettoniche

JESI – È stato approvato durante l’ultimo Consiglio comunale il PEBA, il piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche. Uno strumento di cui ora anche la città di Jesi dispone e che permetterà di mettere in fila le priorità e di individuare un programma di azione strategico. Ad illustrare ieri alla stampa la relazione tecnica illustrariva, l’assessore all’Urbanistica Roberto Renzi, insieme all’Arch. Alberto Federici del Comune di Jesi e ai due architetti esterni, incaricati dietro gara d’appalto, Arch. Luca Marzi e Arch. Francesco Stolzuoli.

Un lavoro di studio e di carattere conoscitivo, durato un anno. In questa fase, sono stati mappati gli edifici più importanti, ad iniziare dalle scuole, catalogate le situazioni di conflitto, verificati ed integrati dati di rilievo e consultato associazioni di categoria e i rappresentanti dei docenti, ascoltandone i suggerimenti.

Sono stati definiti e classificati anche i dati relativi a 40 strutture pubbliche o a uso pubblico, tra scuole, uffici comunali, parcheggi e impianti di risalita, definendone il grado di accessibilità (da 1 a 6). Le informazioni relative al PEBA sono state poi organizzate all’interno del SIT (Sistema Informativo Territoriale) del Comune di Jesi e serviranno per programmare i futuri interventi.

L’importo complessivo per i lavori si attesta tra i 450mila e i 700mila euro necessari per rendere pienamente accessibili i trenta edifici scolastici cittadini. Fra gli 1,8 e i 2,6 milioni è la stima invece per eliminare ostacoli e barriere dai principali percorsi pedonali individuati dall’analisi effettuata dai tecnici.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*