Pendolari jesini al mare a Senigallia ma il parcheggio non si trova | | Password Magazine

Pendolari jesini al mare a Senigallia ma il parcheggio non si trova

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Uno dei tratti in cui non è possibile parcheggiare e le auto vengono rimosse

SENIGALLIA – Il parcheggio al mare non si trova: è dura per i pendolari jesini della domenica recarsi in spiaggia dopo i recenti divieti spuntati lungo la Statale, con conseguente strage di multe e rimozioni forzate.

La polemica corre sul web e non risparmia i parcheggi a pagamento, anche questi “sorvegliati” dagli abusivi o giudicati rincarati (fino a 9 euro per tutto il giorno). C’è anche chi si lamenta del problema dei parchimetri troppo distanti.

Uno jesino è arrivato a sfogare la rabbia sui social per essere stato sanzionato dopo aver parcheggiato l’auto nel tratto di statale tra Ciarnin e Marzocca, di proprietà dell’Anas: “Trenta anni di mare mai presa una multa per divieto di sosta. Volete il turismo? Vi meritate il deserto tutto l’anno”. Tra la valanga di commenti che il post ha suscitato, spunta anche la risposta del sindaco Maurizio Mangialardi: “Rispondo solo per amore della verità e non per replicare alle considerazioni dettate dalla solita imbarazzante superficialità. Quel tratto di Statale è di Anas e quelle regole applicate sono dettate da loro e si applicano dal Codice della strada”. Qualcuno tenta allora di chiedere tolleranza e allora il sindaco replica: “Si può fare poco. La riga continua vuol dire divieto di sosta. Quando si è in infrazione, non basta la tolleranza”. In questo caso a chiamare i vigili della municipale erano stati due automobilisti le cui vetture si erano leggermente urtate, incidentando, poiché i veicoli in sosta avevano oscurato la visuale. E la municipale, intervenuta, aveva così multato tutta la fila.

Intanto, dal Comune di Senigallia arriva la notizia di 64 nuovi stalli per parcheggiare lungo la strada statale Adriatica. I posti auto, attivi a giorni, saranno a pagamento con concessione della gratuità ai residenti e saranno così suddivisi: 30 in zona Saline, nel tratto da Ponte Rosso a via Tolomeo, e 34 in zona Villa Torlonia e Cesanella, da fosso della Giustizia a Strada della Marina.

“Si tratta di una risposta – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – alle esigenze di turisti e visitatori, ma soprattutto dei residenti lungo la statale Adriatica. I posti auto sono stati individuati in base alle prescrizioni previste dal codice della strada, che a determinate condizioni ne consente la realizzazione. L’obiettivo è garantire i necessari parcheggi, ma sempre nel pieno rispetto delle norme e della sicurezza di tutti i cittadini”.

“Ovviamente – aggiunge il sindaco – faremo rispettare il divieto di sosta laddove sussiste. Divieto che, voglio ricordarlo ancora una volta, è sempre esistito e che abbiamo solamente voluto rendere più esplicito con l’installazione della segnaletica verticale al fine di informare e tutelare i cittadini, evitando che alcuni potessero incorrere inconsapevolmente nelle sanzioni previste dal codice della strada. Da ultimo, ma non per importanza, aggiungo che il rispetto del divieto garantisce un significativo miglioramento della visibilità per chi si immette sulla statale, aumentando considerevolmente i margini di sicurezza”.

1 Commento su Pendolari jesini al mare a Senigallia ma il parcheggio non si trova

  1. La mia é semplice curiosità
    Lungonare zona Uisp Jesi c’é cosi tanto spazio Che ci parcheggerebbero dalle 100 alle 200 auto magari facendo parade una quota simbolica di circa 3/5 euro

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.