«Per avere luce, bisogna farsi crepa»: un libro di speranza in tempi di pandemia | Password Magazine

«Per avere luce, bisogna farsi crepa»: un libro di speranza in tempi di pandemia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELPLANIO – «Per avere luce, bisogna farsi crepa» è il titolo del nuovo libro di Anna Maria Vissani, teologa e grafologa di Castelplanio, pubblicato a settembre 2020 in collaborazione con Cristiana Filipponi ed edito da Prospettiva editrice.

Il titolo è in parte inspirato al libro «Il silenzio è cosa viva» di Chandra Livia Candiani e si completa così come è detto all’interno: … spaccarsi, sminuzzarsi, offrirsi, per avere e dare luce..

foto (25)
Suor Anna Maria Vissani

«Il nostro libro raccoglie riflessioni filosofico-spirituali scritte in tempo di oscurità e di paura, ascoltando il silenzio, il mondo, le persone, gli eventi molto bui – spiega Sr. Anna Maria – Lo scopo della pubblicazione è di non disperdere quanto abbiamo percepito e vissuto nel silenzio del lockdown».

Con questo libro le autrici vogliono imprimere fiducia e necessità di resilienza; esse infatti affermano che durante questa fase oscura, «è necessario tenere gli occhi aperti come il gufo nel buio della notte e intravvedere luci disperanza».

Per comprendere l’essenza del libro è fondamentale la spiegazione del sottotitolo «in tempo di pandemia, siamo tutti fragili, tutti uguali, tutti preziosi», che ci fornisce la Vissani.
«La fragilità è la scoperta sorprendente del nostro vero umano. L’essere uguali ci vede fratelli e sorelle nel vivere con angoscia i giorni e le ore. L’essere preziosi è la luce che è emersa dalle crepe delle paure».

PER-AVERE-LUCE-COP
Copertina del libro «Per avere luce, bisogna farsi crepa»

Il libro, oltre alle riflessioni delle autrici, raccoglie pensieri di persone che hanno voluto offrire la loro testimonianza del primo faticoso periodo di lockdown; da Riccardo Ferrati che scrive una lettera al male invisibile (Covid-19) come introduzione al libro, alle osservazioni anche di alcuni giovani tra cui due bambini di 9 e 10 anni.

«Chi legge potrà risuonare e mettersi a guardare con speranza il futuro. E’ questo che ci fa evitare quel virus più pericoloso denunciato da papa Francesco che è l’egoismo indifferente o il dimenticare tutto, come se niente fosse accaduto. Siamo tutti dentro la seconda fase pandemica, coperti dalle mascherine e chiamati ad essere responsabili delle direttive che ci vengono date. Raccogliamo nei nostri cuori e negli incontri con persone luci di fiducia, interrogativi sul senso della vita e l’amicizia rivestita di quella fragilità che ci rende ancora comunità» è il monito finale di Suor Annamaria, che tramite quest’opera vuole donare speranza alle donne e agli uomini, afflitti fisicamente e psicologicamente da questa situazione.

Per chi volesse il libro può essere ordinato in libreria o richiesto presso il Centro di Spiritualità Sul Monte di Castelplanio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.