Per i 100 anni di Alfonsina gli auguri dei sindaci di Maiolati, Genova e Montecopiolo | Password Magazine

Per i 100 anni di Alfonsina gli auguri dei sindaci di Maiolati, Genova e Montecopiolo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Il secolo di vita è un traguardo che va festeggiato, anche in tempi di pandemia. E così alla festa per le cento candeline di Alfonsina Lattanzi, una delle ospiti della casa di riposo di Maiolati Spontini, è intervenuto anche il sindaco Tiziano Consoli. Nel pieno rispetto delle misure di prevenzione del contagio da Covid-19, il primo cittadino e il presidente della Fondazione Gaspare Spontini, che gestisce la struttura, Ivano Zamporlini, hanno consegnato simbolicamente, attraverso una vetrata, una targa e un mazzo di fiori alla signora Alfonsina, che ha molto gradito il gesto in una giornata davvero speciale, anche per il momento di condivisione, con tanto di torta, con gli altri ospiti della struttura. Un compleanno speciale anche per gli auguri arrivati da altri due sindaci: quello di Genova, città di origine della signora Lattanzi, Marco Bucci, e quello di Montecopiolo, dove è vissuta, Pietro Rossi. Oltre a Consoli, quindi, a complimentarsi con la neocentenaria, a nome di tutta l’Amministrazione comunale, è stato anche il primo cittadino del capoluogo ligure che le ha scritto: «Ho appreso con vivo piacere che il 3 dicembre festeggerà il suo centesimo compleanno. In qualità di sindaco di Genova, suo luogo di nascita – ha scritto Bucci nel messaggio ad Alfonsina – sono lieto di unirmi ai tanti che con lei festeggeranno questa speciale ricorrenza facendole pervenire, attraverso queste poche righe, gli auguri più sentiti per un compleanno davvero “importante”». 

Nel suo messaggio, il sindaco Rossi ricorda come Alfonsina abbia vissuto parte della sua giovinezza a Villagrande di Montecopiolo trascorrendo «giorni felici che la signora ricorda con grande piacere».

Nella targa del comune di Maiolati Spontini, consegnata dal sindaco Consoli, gli auguri sono per «il traguardo del centesimo compleanno raggiunto con grinta e con il desiderio di scoprire le novità di questo tempo, come la tecnologia, che le ha permesso di varcare l’Oceano per parlare con i suoi cari. Le vicende attraversate hanno lasciato in lei il profumo buono della vita, dono da custodire in famiglia e nelle relazioni». 

La famiglia della signora Alfonsina era originaria del pesarese, dove è tornata per gestire un ristorante. Ricorda con lucidità la vita di quegli anni, le feste, e che non le piaceva imparare a cucinare ma preferiva stare nel negozio di generi alimentari, a preparare panini per i soldati durante la guerra. È ospite della casa di riposo “Gaspare Spontini” dal gennaio del 2013. La signora si è adattata alle nuove modalità di comunicazione ed è riuscita, da febbraio, da quando sono state sospese le visite, a vedere le immagini dei suoi cari dallo schermo di un tablet. Desiderava da tempo una grande festa per i suoi 100 anni e la Fondazione Gaspare Spontini ha cercato di organizzarla al meglio, seguendo i desideri della signora Lattanzi, nonostante le tante restrizioni per la pandemia. 

La giornata per Alfonsina è iniziata con la messa celebrata dal parroco don Igor Fregonese ed è proseguita con l’incontro con i familiari dal vetro all’ingresso, il collegamento video con gli altri parenti, il pranzo e la torta. 

Alfonsina è un esempio di longevità in un Comune che vanta ben tre centenarie e oltre cento residenti dai 90 ai 99 anni. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.