Per la Jesina il “Carotti” è ancora tabù, passa il Francavilla (1-2)

JESI –  Il Francavilla fa sua l’intera posta nell’arco di appena 2 minuti. Prima rimontando la rete messa a segno su rigore dal leoncello Margarita (3’) con Palumbo (49’), quindi assestando il micidiale ko con Yussif (51’), complice un intervento goffo del portiere di casa Tavoni. Non è servita ai padroni di casa neanche un’espulsione in campo avversario (Mancini) con una supremazia numerica di più di 20’.

La Jesina non riesce a sfatare il tabù del “Carotti” che non la vede vincente dal 24 settembre scorso (1-0 al San Marino) ma quel che più conta, sembra essere una squadra che ha perso il bandolo della matassa in tutto. Almeno tra le mura amiche.

E dire che miglior inizio non ci poteva essere visto che appena dopo 3’ di gioco era in vantaggio grazie a una serpentina di Trudo che faceva girare la testa a Silvestri, il quale non trovava alternativa se non metterlo giù in area. Rigore e trasformazione dal dischetto di Margarita: 1-0.

Che il vento potesse cambiare in favore dei ragazzi di Gianangeli si incominciava a sperarlo, comunque, al 10’, quando su un altro rigore decretato a favore dei giallorossi ospiti – mano di Parasecoli – Palumbo gettava alle ortiche l’occasione sparando sul palo alla destra dell’estremo jesino. Ci provava Yussif a raccogliere la palla vagante in area ma Gremizzi sventava definitivamente in angolo.

L’avvio di ripresa decideva le sorti della gara. Prima con un tiro di Palumbo – che si faceva perdonare il precedente errore dagli 11 metri – poi Yussif, di testa, con la complicità involontaria di Tavoni, e il gioco era fatto: 1-2.

Era fatto perché dalle parti di Spacca, portiere abruzzese, nonostante tanta buona volontà, i leoncelli non ci sono quasi mai arrivati.

Jesina che ha giocato con il lutto al braccio per commemorare la scomparsa del “super tifoso” Alvaro Rumori, ricordato anche da uno striscione dei tifosi della curva.

Domenica si viaggia in trasferta, ad Agnone, alto Molise, terra famosa per le sue campane. Sperando che la musica cambi.

JESINA  – FRANCAVILLA  1  2

RETI: Margarita (J, 3’), (Palumbo F, 49’), Yussif (F, 51’)

Jesina – Tavoni; Sassaroli, Gremizzi, Magnanelli, Giorni ( Calcina 94’); Anconetani (Silvestri 74’), Trudo, Zannini (Gubinelli 53’); Cameruccio, Margarita ( D’Alessio 61’), Parasecoli. A disposizione: Bolletta, Serantoni, Carotti, Carnevali, Scudiero. All. Franco Gianangeli

Francavilla – Spacca; Sembroni, Amenta, Palumbo, Galli (Zerbo 66’); Molenda (Di Renzo 71’), Yussif (Sanseverino 89’), Di Pietrantonio (Milizia 81’); Silvestri, Banegas ( Velardi 63’), Mancini. A disposizione: Salvatore, Di Pinto, Procida, Di Sabatino. All. Gianluca Temelin

Arbitro – Fabian Brognati di Ferrara, coadiuvato da Massimiliano Starnini di Viterbo e Andrea Zezza di Ostia Lido

Note: angoli 1-3; espulsi  Mancini (F, 73’ per doppia ammonizione), Temelin  (F, allenatore in seconda, che sostituiva lo squalificato Luigi Iervese, all’80’ per proteste);  ammoniti Youssif (F, 16’), Banegas (F, 17’), Margarita (J, 21’), Spacca (F, 65’), D’Alessio (J, 92’).

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*