«Per un secolo sede dell'Istituto Agrario jesino, ora l'edificio è in degrado» | Password Magazine

Festival Pergolesi

«Per un secolo sede dell’Istituto Agrario jesino, ora l’edificio è in degrado»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Immagine 2022-02-21 141939

JESI – Ex sede dell’Istituto Agrario, l’edificio è in degrado. Lo segnala il consigliere comunale Samuele Animali (Jesi in Comune) che, in vista del Consiglio comunale del 1° marzo, ha presentato un’interrogazione comunale sull’argomento.

L’immobile in questione si trova in via dell’Agraria, all’altezza delle prime case del quartiere Colle Paradiso: si tratta di un edificio colonico  «in evidente stato di degrado – scrive il consigliere – e che risulta essere stato per cento anni sede del Regio Istituto Agrario di Jesi (1879-1979) e più recentemente di un museo etnografico».

«La Convenzione stipulata tra la scuola e l’amministrazione nel 1981 – si legge nel documento – in base alla quale furono messi a disposizione i terreni per la costruzione del nuovo quartiere residenziale, prevedeva espressamente che si lasciasse intatto il complesso degli edifici rurali, allo scopo di costruirvi un museo tecnologico dell’agricoltura e dell’artigianato della media valle dell’Esino. Effettivamente tale museo, o una parte di esso, fu aperto al pubblico ed è rimasto in attività per alcuni anni, ma da molto tempo non ve n’è più traccia ed i beni ivi custoditi sono strati trasferiti in luogo ignoto a chi scrive».

Il consigliere Animali nel documento riporta che «uno dei direttori dell’azienda agraria fu il padre del noto professor Francesco Bonasera Finzi, cittadino benemerito dal ‘91, deceduto nel 2008», come da notizie storiche tratte proprio dall’articolo del prof. Francesco Bonasera, L’azienda agraria dell’istituto «Pietro Cuppari» di Jesi, in Proposte e
ricerche, Rivista semestrale di studi storici (https://proposteericerche.univpm.it/files/56601de38006edaaf.pdf).

L’interrogazione intende dunque far luce sulla questione, chiedendo «se fatti illustrati risultino veri e se risultino adottati o stiano per adottarsi in proposito provvedimenti» considerato che «sia l’edificio che i beni in discorso costituiscono una testimonianza importante del ‘900 jesino dal puto di vista culturale, storico e didattico, per cui sarebbe importante recuperare e valorizzare l’uno e gli altri; sulla facciata sono ancora distinguibili due «targhe» dipinte dedicate rispettivamente a Ruggero Rosi e Giosuè Carducci;

 

agrario 2

seconda targa

l’attuale stato di abbandono e di incuria dell’immobile costituisce presumibilmente un pericolo dal punto di vista statico e igienico, oltre che motivo di disdecoro, data la vicinanza con l’ospedale Urbani, con una via relativamente trafficata, con un parco pubblico e con un quartiere residenziale» e che risulta che «la circostanza sia già stata oggetto, negli anni scorsi, di attenzione e segnalazione da parte di cittadini», non essendoci al momento notizia di «concrete iniziative da parte della pubblica amministrazione».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.