Percorso civico, la lista esclusa si appella al Consiglio di Stato

MAIOLATI SPONTINI – Non è ancora finita per la lista “Percorso civico”, esclusa dalla competizione elettorale per una difformità di pratica, un errore nelle autenticazioni delle firme. Irene Bini, assessore uscente e capolista, nonostante la sentenza negativa del Tar che ha respinto il ricorso, decide di tentare l’appello al Consiglio di Stato.

«Abbiamo appreso con grande dispiacere la pronuncia del Tar che ha respinto il nostro ricorso per essere riammessi alla competizione elettorale del prossimo 26 maggio, dalla quale ci siamo visti esclusi a causa di un errore materiale non imputabile a nessuno dei candidati – fa sapere il gruppo Percorso civico – questa notizia ci riempie di amarezza e preoccupazione, perché l’assenza della lista “Percorso civico”, determinerà il venir meno per i cittadini di Maiolati di una reale e valida alternativa nella scelta del Sindaco e della composizione degli organismi di rappresentanza consiliare.
Determinerà l’assenza di persone perbene, fortemente motivate e capaci, persone di spessore umano e politico che si candidavano per essere quel cambiamento necessario allo scenario politico e amministrativo. Contemporaneamente essendo poi capaci di apprezzare quello che di buono era stato fatto in questi ultimi 15 anni di governo del paese, avrebbero garantito per Maiolati la realizzazione di un programma elettorale qualificato e concreto.
Oggi sentiamo tutta la responsabilità umana e politica di lasciare soli i nostri concittadini, per questa ragione abbiamo deciso che tenteremo anche l ultimo grado di ricorso che la giustizia amministrativa permette: l’appello al Consiglio di Stato, perché anche se esistesse una sola speranza, noi vogliamo tentarla.
Prendiamo le distanze da quegli atteggiamenti di giubilo o scherno che abbiamo avuto modo di leggere in queste ultime ore, comportamenti degni di biasimo, pensieri miserrimi, neanche meritevoli di ulteriore commenti che senza dubbio qualificano chi li mette in essere e non i destinatari cui si rivolgono».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*