Pergolesi, Comitato contro spostamento: "Il monumento non merita di finire nell'ombra" | | Password Magazine
Lulù  

Pergolesi, Comitato contro spostamento: "Il monumento non merita di finire nell'ombra"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – Dopo il botta e risposta della scorsa settimana con piazza Indipendenza, il Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi torna a chiarire la propria posizione in merito alla questione dello spostamento del monumento a Pergolesi: “Dopo le recenti dichiarazioni dell’Amministrazione Comunale della scorsa settimana, delle quali non riusciamo a comprendere a quali “violenze verbali ed offese” il sindaco facesse riferimento, ci premuriamo di ribadire lo scopo del comitato Nessun’Tocchi Pergolesi – sono le parole espresse stamani in conferenza stampa  – Il nostro obiettivo primario è che sia garantito da parte dell’Amministrazione Comunale il ripristino del diritto di espressione e rappresentanza ai cittadini”.

Il Comitato ribadisce la propria valenza non politica e l’estraneità a strumentalizzazioni, puntualizzando che l’unica posizione espressa riguarda “la valorizzazione di Piazza Pergolesi, che non si compie spostando e scavando, ma dando piuttosto la piena fruibilità visuale dell’abside della chiesa di S. Nicolò”.

“Io non sono iscritto a nessun partito –  dichiara l’ex sindaco Gabriele Fava, uno tra i firmatari del referendum – Per cui dire che il Comitato è a sostegno di una candidatura alternativa a Bacci è falso”. Ad avvalorare le sue parole, l’uscita dal Comitato dello stesso candidato sindaco del Partito Democratico Osvaldo Pirani, ufficializzato oggi in sede di conferenza: “Ritiro il mio nome dai membri firmatari – dichiara Pirani –  pur mantenendo inalterato il mio appoggio a quanto espresso e continuando a condividere i contenuti della richiesta di referendum”. E aggiunge: “La mia è una rinuncia per impedire che l’opera meritoria del Comitato  venga ulteriormente strumentalizzata politicamente, dopo la mia nomina a candidato del Partito Democratico”. E aggiunge: “Il tentativo di politicizzare l’azione del comitato, come ha già provato a fare il sindaco Bacci, è fuorviante e non ha nulla a che vedere con l’azione spontanea di un gruppo di cittadini di varia estrazione culturale e politica. La realtà è che il Comitato sostiene il proprio punto di vista ma non pretende di avere ragione a priori per cui ha chiesto principalmente di sentire il parere dei cittadini con i metodi della democrazia. Se sarà data voce ai cittadini per esprimersi sulla questione, si sarà scritta una buona pagina di democrazia per questa città”.

La proposta del Comitato è di riqualificare piazza Pergolesi liberando l’abside della Chiesa di San Nicolò intrappolato nell’edificio delle ex Giuseppine e senza spostare il monumento: “I lavori previsti sarebbero un’occasione imperdibile per provvedere a questo ripristino e valorizzare davvero quello spazio, attualmente non fruibile – sostiene l’ex sindaco Fava – Sono fermamente convinto che arretrare il Pergolesi sia una violenza inaccettabile e cerco di spiegarvi il perché: la posizione attuale del monumento è stata decisa dai nostri antenati sulla base di considerazioni euclidee. Spostarlo significherebbe privare la piazza del suo baricentro”. A sostenerlo anche l’architetto Sergio Marinelli: “Valorizzare il Pergolesi significa mantenerne la centralità, lasciandolo nella stessa posizione e alla stessa quota perché baricentrico rispetto alla Chiesa di San Nicolò, alla Chiesa delle Grazie e alle facciate degli edifici laterali. Appare chiaro che indietreggiarlo invece di 18 metri lo costringerebbe ad uno stridente colloquio con il traffico automobilistico che procede in via XV settembre, a soli 3 metri e mezzo di distanza dalle macchine”. Secondo Marinelli se il monumento – progettato per essere fruito a 360 gradi – venisse arretrato in una posizione confinante con il traffico veicolare non sarebbe più possibile godere appieno del monumento in marmo di Carrara: “Senza contare che mancherebbero opportuni spazi per sostare all’ombra – aggiunge l’architetto – Procedendo dall’Arco al Duomo, in estate, non ci sarebbero spazi verdi e di sosta ombreggiati: nella planimetria, sono disegnate solo le ombre del monumento e dell’edicola. Se il progettista fosse stato più veritiero e avesse centrato e composto le ombre degli alberi con quelle della Chiesa di San Nicolò, ci si renderebbe subito conto che le prime sarebbero assorbite dalle seconde. Le ombre sommate lascerebbero la statua al buio quando invece il marmo di Carrara abbisogna della luce del sole”. Critiche anche i gradini previsti, “barriere” sconsigliate secondo l’architetto, da evitare in una progettazione sana che vuole evitare anche rischi legati a possibili inciampi.

Vittorio Massaccessi primo firmatario all’interno del Comitato torna poi sulla questione referendum:  “E’ importante che non si traccheggi nell’individuazione dei nomi dei Garanti che procedano alla valutazione dell’istanza – sostiene l’ex sindaco – Ci auguriamo che queste tre persone agiscano in nome del buon senso, affinché anche i cittadini possano pronunciarsi sulla questione. In caso di accettazione della proposta referendaria, abbiamo 60 giorni di tempo per raccogliere le 2000 firme necessarie per portare la popolazione alle urne”.

Chiara Cascio

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.