Pergolesi, per quanto ancora litigheremo per te? IL CORSIVO di Marco Torcoletti | | Password Magazine
Lulù  

Pergolesi, per quanto ancora litigheremo per te? IL CORSIVO di Marco Torcoletti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

IL CORSIVO a cura di Marco Torcoletti 

JESI – Pergolesi, un parto lungo quasi 40 anni. Già perché tanto è occorso per mettere tutti d’accordo sul monumento dedicato al compositore che Rousseau chiamava L’inimitabile. Nel 1873 esisteva una commissione pro-monumento, cui seguirono almeno tre comitati esecutivi, all’incirca uno ogni dieci anni. Quando il 2 ottobre 1910, il complesso marmoreo a firma di Alessandro Lazzerini veniva inaugurato, tra le quattro aree in lizza per accoglierlo, a spuntarla fu piazza dello Statuto, cioè delle Grazie.
Ce lo racconta il grande giornalista e storico Giuseppe Luconi, che nel 1991 scriveva: “(Il monumento) meriterebbe di figurare nel Guinness dei primati, perché verosimilmente nessuno come lui ha avuto gestazione tanto lunga”. 117 anni dopo il taglio del nastro, nonché in vista delle imminenti elezioni, l’arretramento dell’opera torna a far discutere: primo cittadino da una parte e, tra gli altri, Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi dall’altra. Manifestazioni, articoli e scambi di battute al vetriolo. Tra gli ultimi quello di San Valentino, con cui si è accusato Bacci di non apprestarsi ancora “a mostrare un minimo di amore per la nostra città”. Parole non gradite in piazza Indipendenza, con l’invito ad alcuni dei più eminenti esponenti del comitato stesso, tra cui gli ex sindaci Massaccesi, Fava e Polita, a dissociarsi da toni e parole giudicati offensivi. Polita a parte, la risposta è stata “picche”: quale violenza? Semmai, è la replica giunta dall’amministrazione ad apparire inopportuna e quasi intimidatoria. Progetto nato anni prima dell’era Bacci, quando a governare non era il leader delle civiche, le battute finali ad esso connesse hanno acceso il dibattito, non diversamente da quanto sta accadendo in ben altro contesto.

Infatti, anche a Milano suscita analogo fermento il ridisegno dell’area antistante il Castello Sforzesco.  Come finirà? Difficile dirlo ma senz’altro, parafrasando L’Ora Presente, c’è già tanta carta stampata sull’argomento da tenerlo incartato per un buon numero di anni in attesa di una decisione condivisa. Il che, come di solito avviene in Italia, vuol dire mai.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.