Pergolesi, Sgarbi su Oggi: "Spostare i monumenti abitudine volgare e ignorante" | | Password Magazine

Pergolesi, Sgarbi su Oggi: "Spostare i monumenti abitudine volgare e ignorante"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Vittorio Sgarbi su i Sgarbi Settimanali di Oggi, in un post del 22 gennaio, dedica una riflessione all’abitudine “volgare e ignorante, di spostare i monumenti dai loro luoghi di collocazione, come fossero soprammobili”. Il riferimento, esplicito nello scritto del critico d’arte, è a Jesi e al monumento a Pergolesi.

Si legge dal blog di Oggi: “È quanto si vorrebbe imporre anche al monumento con cui Jesi omaggia la sua maggiore gloria artistica, Giovan Battista Pergolesi, realizzato ai primi del Novecento, di fronte alla casa natale del musicista, dal carrarese Antonio Lazzerini, specialista del genere. Si tratta di opera assolutamente dignitosa, malgrado la riduzione rispetto al progetto originario, testimonianza pubblica di un liberty scultoreo che non è affatto frequente nelle Marche. Di contro, si trasferisce una statua recente e assai meno felice, un Federico II di Svevia da realismo socialista albanese (che non a caso era rimasta nascosta nei pressi delle mura), in pieno centro, davanti a un museo virtuale dedicato al sovrano qui venuto al mondo, di quelli che avrebbe senso vedere in Rete o in un dvd piuttosto che in una sede fisica. Perché tanto autolesionismo? Chi ci guadagna? Qualcuno di sicuro, ma non certo Jesi”.

Il commento di Sgarbi non possa inosservato al comitato di Jesi in Comune che, con un post di Samuele Animali, nel precisare che lo stesso non si trova davanti alla casa natale del compositore (che invece era nello slargo laterale a Palazzo della Signoria all’incrocio tra via Pergolesi e via Federico Conti), aggiunge: “La “riqualificazione” della Piazza delle Grazie, così come è concepita, è un intervento costoso, invasivo e poco sensato, che ci si potrebbe risparmiare salvaguardando e sistemando la piazza liberty, magari sostituendo le alberature, spostando il chiosco e migliorando le aiuole, le panchine e la pavimentazione”. E ancora: “Per onorare meglio la memoria del nostro più illustre concittadino si dovrebbe invece riqualificare il luogo dove sorgeva la casa natale di Pergolesi. Basterebbe rinunciare a sei parcheggi sei per creare un nuovo spazio pubblico, dove magari dare concessioni ai locali vicini (es. Pergolesi, Bar del Duomo, Me Gusteria). Si potrebbe anche pensare a uno spazio esterno per la Salaria, da utilizzare d’estate, aggiungere un minimo di verde, così da ottenere con una spesa minima, una nuova piazza utilizzabile. Invece che accanirci sul monumento, lavoriamo sulla casa natale, che non c’è più ed è dunque uno spazio che può essere fatto rinascere e portare a qualcosa di nuovo e produttivo, anche sul piano culturale”. Animali concorda anche su un’altra questione, quella del museo virtuale che definisce “un ossimoro”: Sgarbi contesta anche la scelta di trasferire la statua di Federico II, che definisce “meno felice” artisticamente rispetto al marmo del carrarese Antonio Lazzerini, davanti a un museo virtuale dedicato al sovrano qui venuto al mondo, di quelli che avrebbe senso vedere in rete o in un dvd piuttosto che in una sede fisica” si legge nella rubrica Sgarbi Settimanali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.