Perseguita e minaccia ex moglie, divieto di avvicinamento per un 54enne | Password Magazine

Perseguita e minaccia ex moglie, divieto di avvicinamento per un 54enne

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Nella tarda serata di ieri i Poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Ancona, hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare del Divieto di avvicinamento a carico di un uomo italiano del ’64, responsabile di atti persecutori aggravati, violenza privata commessi ai danni della ex moglie.

I continui litigi dovuti ad incomprensioni li avevano portati a separarsi dopodichè, in ossequio alla sentenza di separazione, la moglie si era trasferita da Roma ad Ancona con i figli.

A nulla sono serviti i continui richiami rivolti all’uomo, anzi, questo, per ripicca, vessava la donna, ingiuriandola in modo minaccioso, ingenerando in lei un fondato timore per la sua incolumità e costringendola, nel contempo, a mutare le sue abitudini di vita.

In particolare M.P. tormentava la sua ex inviandole continuamente messaggi e chiamandola al telefono offendendola e minacciandola, criticandola in merito all’assolvimento dei compiti genitoriali.

In talune circostanze l’uomo, acceso dalla rabbia, perpetrava ai danni della sua ex ripetute aggressioni verbali, in particolari insulti irripetibili, anche a scuola dei figli, alla presenza di questi e delle insegnanti.

Con il pretesto di esercitare le proprie facoltà genitoriali, effettuava ripetuti appostamenti presso l’abitazione della sua ex, nonché nei luoghi da questa frequentati.

Lo stato di disperazione portava la donna a rivolgersi alla Polizia di Stato.

A seguito di una capillare attività di indagine delegata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona e assolta dai poliziotti della Mobile, il GIP di Ancona emetteva l’Ordinanza di applicazione della Custodia cautelare del divieto di avvicinamento di M.P. alla donna.

L’uomo, rintracciato, veniva reso edotto della sua posizione di indagato e delle prescrizioni di legge a lui imposte dalla legge.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.