Perugia-Assisi, in marcia anche una delegazione comunale di Maiolati | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Perugia-Assisi, in marcia anche una delegazione comunale di Maiolati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Ventiquattro chilometri in nome della pace e della fraternità. La Marcia Perugia-Assisi torna anche quest’anno, domenica 9 ottobre. Parteciperà anche una delegazione del comune di Maiolati Spontini, formata da rappresentanti delle istituzioni, docenti e alunni dell’Istituto comprensivo “Carlo Urbani” di Moie. L’Amministrazione, in collaborazione con la Pro Loco Maiolati Spontini, la sezione locale dell’Anpi e l’Istituto comprensivo “Carlo Urbani”, ha infatti organizzato un pullman che partirà da piazza Kennedy, a Moie, alle ore 6 e 15 con arrivo e partenza della marcia da Perugia alle ore 9. Per gli studenti dell’Istituto comprensivo e per tutti i minorenni il trasporto sarà gratuito mentre per gli adulti il costo sarà di 10 euro.

Si tratta di una grande iniziativa concreta di educazione alla pace, ai diritti umani e alla cittadinanza democratica, alla quale il Comune ha partecipato anche in passato.

“Abbiamo sentito la necessità di aderire – spiega l’assessore ai Servizi sociali Fabiana Piergigli – e di facilitare la presenza dei cittadini e dei giovani. Questa è la terza volta che il nostro Comune partecipa attivamente alla marcia, ma quest’anno ci sentiamo particolarmente vicini al messaggio di pace sintetizzato nello slogan ‘Basta stragi, fermiamo la guerra!’. Per fermare le guerre è necessario tenere l’attenzione alta, invece la guerra si è trasformata in un elemento quotidiano della nostra vita: essa viene rappresentata da tutti i mass media senza provocare grandi reazioni sul piano sociale, ci stiamo abituando via via alle deflagrazioni causate dalle bombe, ai corpi martoriati di vecchi e bambini, alle migliaia di persone che provano ad attraversare il mediterraneo, senza parlare dei disastri ambientali, spesso irreversibili che riduco sempre più le risorse naturali. Siamo consapevoli che la pace è un diritto universale da difendere e costruire ogni giorno, ma non possiamo negare che la Guerra sia anche un affare per il sistema economico imperialista. La storia ci insegna che la guerra è stata sempre una soluzione alla crisi del capitalismo, anche quando altre vie risultavano fallimentari. Vista così la guerra risulta funzionale al sistema di dominio economico attuale, un sistema disumano che sposta ai margini l’uomo per mettere al centro la finanza”.

Chi aderisce alla Marcia può scegliere fra due percorsi: quello interno di 24 chilometri e quello breve da Bastia a Santa Maria degli Angeli a piedi (di 3 chilometri). Qui sono previsti laboratori per ragazzi mentre alla Rocca di Assisi ci sarà la manifestazione conclusiva. Il rientro a Moie è previsto alle 20 e 30 circa.

Ci sono ancora dei posti liberi nel pullman. Per informazioni e prenotazioni si può chiamare i numeri (anche sms e whatsapp) di Daniela 3386519427 (pomeriggio) o Patrizia 3405953 429 (pomeriggio) o scrivere alle mail promaiolatispontini@alice.it oppure anpimoie3@libero.it.

A rappresentare l’Assemblea legislativa delle Marche, con tanto di gonfalone, sarà il consigliere regionale Enzo Giancarli. L’adesione anche all’edizione 2016 della Marcia è stata decisa dal Consiglio regionale, con l’approvazione di una mozione dedicata, lo scorso 13 settembre, in linea con l’obiettivo della Perugia-Assisi di rilanciare ed estendere la mobilitazione degli enti locali per il riconoscimento internazionale della pace quale diritto umano fondamentale della persona e dei popoli.

Sono onorato di poter rappresentare l’Assemblea legislativa delle Marche ad un appuntamento così importante – dice Giancarli –. Il tempo che viviamo ci parla ogni giorno di guerre, di persecuzioni, di conflitti etnici e religiosi, di terrorismo, di mancata integrazione, di disuguaglianze radicate, di miseria, di instabilità. Invece, avremmo bisogno di pace, si solidarietà, di convivenza civile, di accoglienza, di cooperazione, di sviluppo sostenibile, di rispetto dei diritti umani, di protezione dei soggetti più fragili”.

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.