Pesaro, festini in spiaggia nonostante il divieto: l'ira del sindaco | Password Magazine
Festival Pergolesi

Pesaro, festini in spiaggia nonostante il divieto: l’ira del sindaco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PESARO – Assembramenti e festini in spiaggia per Ferragosto a Pesaro, nonostante i divieti.
Il sindaco Matteo Ricci usa il pugno di ferro contro i bagnini che non hanno rispettato l’ordinanza e hanno organizzato feste in spiaggia. «Vergogna e irresponsabili!» sentenzia il Primo cittadino che ha chiesto a Prefetto e al Comandante dei vigili di fare multe esemplari, facendo anche forti reclami alla Polizia locale per i blocchi tardivi delle feste.

E poi aggiunge sui social: «Ragazzi e ragazze datevi una regolata. Non è questo il momento e l’estate per fare festa, torneremo a ballare ma non è questo il momento. Ognuno deve vivere l’estate in maniera responsabile, non così! Quest’anno ci si può divertire senza fare assembramenti».

Questa mattina Ricci affronta di nuovo la questione sui social:

«Alla luce di ciò che è successo ieri in alcuni stabilimenti balneari voglio fare pubblicamente alcune domande e annunciare due richieste e decisioni prese:

1 – Perché alcuni gestori hanno tradito la fiducia che gli abbiamo sempre dato non rispettando l’ordinanza? Negli ultimi anni abbiamo lavorato tanto per vivacizzare la città e le feste in spiaggia sono sempre state un elemento virtuoso per il divertimento sicuro e in bicicletta.

Ma quest’anno c’è un nemico invisibile non ancora sconfitto e non è l’estate per ballare e fare festa, lo sanno tutti.

2- Perché la polizia locale e le forze dell’ordine non sono intervenute subito facendo spegnere la musica? Sono dovuto intervenire insieme al Prefetto in serata per avere l’intervento e lo spegnimento.
Le estati scorse spesso intervenivano per il ballo quando l’indicazione del Comune e del Prefetto era quello di privilegiare la sicurezza stradale e dello stabilimento.

3- Perché ragazzi fate finta di niente? Capisco che abbiate voglia di divertirvi ma è oggettivamente impossibile far festa e ballare a distanza di sicurezza. Torneremo a ballare ma non questa estate. Dobbiamo vivere la città mantenendo alta la guardia come stiamo facendo al ROF, al parco Miralfiore, in tutte le iniziative che organizziamo. Anche nella notte delle candele si sono sempre rispettate le ordinanze (tranne forse un locale che stiamo verificando). Divertirsi con giudizio quindi quest’anno si può e si deve.

Di conseguenza, sentito il Prefetto, ho chiesto:

1 – Un’informativa scritta al Comandante della Polizia Municipale sui motivi per cui gli organi deputati alla vigilanza (Forze dell’ordine comprese) non hanno garantito l’osservanza delle prescrizioni contenute nell’ordinanza.

2- al Comandante della Polizia locale e alle autorità che hanno redatto i verbali di predisporre la chiusura per due giorni di bar e ristoranti dei locali che non hanno rispettato l’ordinanza.

Credo che occorra equilibrio ma anche fermezza. Si devono rispettare regole e ordinanze, sopratutto quando semplicemente bastava spegnere la musica per evitare assembramenti».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.