Pet Therapy in terapia intensiva, prima volta all'ospedale "Carlo Urbani" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Pet Therapy in terapia intensiva, prima volta all’ospedale “Carlo Urbani”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Per me è stato il desiderio di soddisfare chi tra un po’ potrebbe non esserci più”.
E così, martedì scorso, Kira, una femmina di golden retriever ha potuto prendersi e ricambiare le carezze di Enrico, 61 anni, il suo padrone, ricoverato in terapia intensiva all’ospedale “Carlo Urbani”.
Dove è la prima volta che succede. Pet therapy.

Il dott. Tonino Bernacconi

Ed è stato possibile grazie al primario, dott. Tonino Bernacconi, 57 anni, che ci racconta una storia che sa di dolore ma anche di tanta, tantissima umanità.
“Enrico è qui con noi da tre settimane – spiega il dott. Bernacconi – e non sappiamo ancora se riusciremo a salvarlo. Si è operato per un tumore all’intestino, alla fine dell’intervento è intervenuta una complicazione cardiaca e, ancora sotto anestesia, lo abbiamo trasferito a Torrette per l’angioplastica. A complicare le cose è insorta, poi, anche una insufficienza renale”.
Una storia travagliata quella di Enrico, che due mesi fa ha perso la moglie.
“Sono una famiglia splendida, hanno grande fiducia in noi. Lui è sempre stato buono, si lascia fare tutto: tubi, catetere, dialisi. Bisogna sapere che quando i pazienti si risvegliano dopo una lunga anestesia, in genere sono molto aggressivi, disorientati, poco collaborativi, tendono a strapparsi tutto. Con lui non è stato così”.
E allora succede che proprio questa situazione, questo senso di umanità, faccia scattare un ricordo di qualche mese prima.
“Mi è venuta in mente Firenze, l’ospedale di Careggi con il quale collaboriamo. E’ il nostro centro di riferimento Ecno – acronimo inglese di Extra Corporeal Membrane Oxygenation – per l’ossigenazione del sangue tramite una macchina quando i polmoni non funzionano. In questi ultimi 2 anni vi abbiamo ricorso per due pazienti: una signora nel 2016 e un signore quest’anno. Avevano polmoniti che con i nostri sistemi di ventilazione non saremmo riusciti a salvare. Così ricorriamo a Careggi. Vengono con le ambulanze per il trasferimento e i relativi trattamenti. Noi li continuiamo a seguire poi ce li andiamo a riprendere. Quando sono andato per riportare a Jesi l’ultimo paziente ho notato che tutti lo salutavano e lui di rimando disse che sarebbe ritornato per salutare Chicca che è il cane mascotte della terapia intensiva di quell’ospedale”.
Perché, allora, vista la situazione del tutto particolare, non provare anche a Jesi?
“Ho così chiesto a Enrico se avessi potuto fare per lui qualcosa, se avesse magari un animale a casa che desiderasse rivedere. E lui mi ha parlato di Kira, gli avrebbe fatto piacere rivederla. E il figlio l’ha portata”.
Quel giorno c’era l’infermiera Lucia Galeotti che ricorda bene e con emozione l’incontro tra il cane e il suo padrone. Le carezze.
“E’ stato un momento molto particolare – dice – e ne abbiamo avuto anche un riscontro positivo sul paziente tanto che sono migliorati i suoi parametri vitali”.
Dopo l’incontro il messaggio al primario – assente in quella circostanza – corredato dalle foto: “Esperienza bellissima anche per il paziente. Grazie per questa bella emozione da parte di tutti noi. Complimenti per averci permesso questa cosa. Grazie di cuore”.
“Non so quando riuscirò a ripetere questa esperienza – sottolinea il dottor Bernacconi – non si può prevedere. Va contestualizzata. Certo, credo che prima o poi lo rifarò solo che non posso dire quando”.
Un momento di distacco dal quotidiano, comunque, molto importante. E che ha anche altri programmi in prospettiva futura.
“Non vi è coinvolto solo il paziente ma anche il personale che tutti i giorni è sottoposto a un carico di grande lavoro. E’ uno degli aspetti dell’umanizzazione delle terapie intensive. Noi la nostra l’abbiamo “aperta”, non solo perché i familiari possono entrare ma “aperta” significa anche più umana. Fino a poco tempo fa le terapie intensive – che erano i luoghi più chiusi degli ospedali – “sequestravano” i pazienti, tra i quali anche bambini. Adesso ci prendiamo cura pure delle famiglie con i problemi, i dubbi, i pianti che queste circostanze creano. Siamo qui per questo e continueremo a farlo”.

Banner-Montecappone
Montecappone

3 Commenti su Pet Therapy in terapia intensiva, prima volta all’ospedale “Carlo Urbani”

  1. Finalmente un bel racconto,emozionante fino alle lacrime….alla vigilia di Pasqua fa bebè al cuore….complimenti x l’iniziativa e grazie anche al nome del cane….

  2. Un gesto di grande umanità questo del Pet Therapy, tanti potrebbero valutare inutile perché non ha un animale da amare. Sono favorevole a questa iniziativa, ritengo possa essere non la soluzione, ma un grande aiuto per i pazienti che hanno un cuore che batte!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.