Pianello, ladro si infiltra in casa Ferrazzani durante le prove della Banda: rubati due telefoni

PIANELLO VALLESINA – Un ladruncolo si è intrufolato ieri sera all’interno di Casa Ferrazzani, sede della Banda musicale del luogo, mentre si stavano svolgendo le prove di diversi gruppi. Erano circa le 22.30. Un ragazzo, a volto scoperto, con un cappellino nero a macchie dorate che lo copriva fino alle sopracciglia, jeans e giacchetto nero, di corporatura magra, bussa alle varie aule di studio entrando e interagendo con i presenti :«Scusate ho sbagliato porta, continuate pure». Parlava italiano, con un accento del sud. Entra nella sala prove dove si stava esercitando il gruppo dei tamburi del Palio di San Floriano di Jesi. Butta un occhio qua e là, sorridendo e dicendo di aver sbagliato porta. Poi sale le scale al piano di sopra, nell’aula dove stava provando la banda: la scusa è sempre la stessa. Infine scende di nuovo e bussa alle porte del Cag. Fa il giro delle stanze e viene visto uscire da dietro il caseggiato, iniziando a destare i primi sospetti in quanto nessuno sembrava conoscerlo. A quel punto, probabilmente per sviare l’attenzione, tenta di allacciare una conversazione con alcuni ragazzi che erano nel cortile a fumare una sigaretta: «Ehi ragazzi, ma chi di voi è il più bravo?» chiede e poi «Che hai scroccato una sigaretta alla tua amica? Bene, perché nella vita bisogna scroccare».  Nessuno gli dà confidenza, qualcosa non convince. Il misterioso sconosciuto ad un certo punto, a bordo di un’auto un po’ malconcia, modello Station, prende e se ne va.
Non passa molto tempo che due persone si accorgono di non avere più il cellulare.

Appariva subito chiaro che quel ragazzo che nessuno conosceva, spacciandosi ora per un membro di un gruppo ora di un altro, aveva trovato modo di entrare nell’edificio, di curiosare dove nessuno stava guardando e scappare con il bottino.
Allertati i carabinieri della stazione di Moie e denunciato il furto, i soci della Banda stanno ancora effettuando le ultime ispezioni in sede per verificare se, oltre ai cellulari, qualcos’altro è stato rubato.

Sono in corso le indagini dei carabinieri: la speranza è che le telecamere di videosorveglianza dislocate agli ingressi del paese possano aver catturato ulteriori dettagli utili per risalire all’identità dello sconosciuto.

Chi. Ca.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*