Piano socio-sanitario, Pergolesi (M5S): «La salute non può essere ostaggio di qualche politico»

ANCONA – «L’interesse pubblico è il fine ultimo a cui deve ambire il nuovo piano socio-sanitario. Non possono essere le mire opportunistiche di qualche politico a vincolare il diritto alla salute dei cittadini». Così Romina Pergolesi, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Marche, commenta l’approvazione in Commissione Sanità dell’importante documento di programmazione regionale, atteso in Assemblea Legislativa a gennaio 2020.
Una dozzina gli emendamenti della Pergolesi accolti. Fra questi, la preventiva analisi costi-benefici volta a verificare l’effettiva necessità di nuovi ospedali o di ristrutturazioni consistenti, da sottoporre al vaglio dei consiglieri della Commissione stessa. «Saranno i numeri, insomma, a dirci se e dove investire risorse, non il parere della giunta», specifica l’esponente pentastellata. Inoltre, l’esecutivo regionale non avrà più mano libera: ogni integrazione e modifica al piano socio-sanitario, ha chiesto e ottenuto la consigliera del Movimento 5 Stelle, dovrà essere ratificata dal consiglio regionale, ovviamente nel rispetto delle prerogative degli rispettivi organi politici. Vi sarà quindi, sempre grazie all’iniziativa della Pergolesi, un dettagliato rapporto annuale “costi dei servizi – benefici per i cittadini” che dovrà essere esaminato in una seduta apposita della Commissione assieme alle Conferenze dei Sindaci, ai direttori delle aziende sanitarie, ai comitati di partecipazione, con obbligo di presenza del servizio Sanità e dell’assessore competente. Sulle aree montane, stabilisce un emendamento a firma Pergolesi-Marconi, si avvierà un percorso di approfondimento per valutarne l’istituzione.
Previsto un nuovo progetto dedicato agli adolescenti e finalizzato ad attivare interventi mirati in collaborazione con scuole, associazioni sportive, consultori familiari e comuni. Verrà inoltre data piena attuazione alla legge sulla fibromialgia e sulla sensibilità chimica multipla. Relativamente alle farmacie, esse potranno prendere anche le prenotazioni per le visite e sviluppare nuovi servizi al fine di incrementare l’efficienza del sistema sanitario regionale. Il registro tumori, sempre a seguito di un emendamento della consigliera pentastellata, sarà maggiormente accessibile e puntuale nella documentazione. La commissione consiliare ha inoltre ribadito, con buona pace del presidente Ceriscioli e dei suoi desideri sul nosocomio dell’Azienda Marche Nord, che in regione non ci potrà essere più di un ospedale di secondo livello (gli Ospedali Riuniti di Ancona).
«I miei emendamenti sono frutto di un approfondimento di tutte le osservazioni pervenute in nove mesi di audizioni in commissione con gli esperti del settore (associazioni di categoria, ordini professionali, comitati civici, ..), e dell’esperienza del “progetto della consulta regionale salute” da me avviato avviato anni fa  – evidenzia Romina Pergolesi -. Ne sono stati approvati una dozzina dei cinquanta che avevo presentato, i prossimi giorni lavorerò per costruire in aula una convergenza sugli altri emendamenti. Il Piano può e deve essere migliorato, ecco il motivo della mia astensione in Commissione. Per la votazione finale vedremo quale testo uscirà dalla discussione in Consiglio. A differenza dei santoni che si vendono sui social come salvatori della sanità, ma di fatto ingannano i cittadini per fini personali, ci sono persone serie che con le istituzioni collaborano a vantaggio dell’interesse pubblico».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*