Piazza Colocci, analizzati i reperti misteriosi emersi dagli scavi: ecco di cosa si tratta | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Piazza Colocci, analizzati i reperti misteriosi emersi dagli scavi: ecco di cosa si tratta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
I reperti recentemente rinvenuti all'interno del cantiere di Piazza Colocci

JESI – Gli scavi in piazza Colocci continuano a raccontare di un passato sepolto per secoli ed ora tornato alla luce. Riemergono oggetti e reperti di una quotidianità che non esiste più. Riaffiora un focolare e con esso oggetti in vasellame destinati alla cottura dei cibi. Ritrovate ossa di animali da cortile e monete del XI secolo. In ultimo, gli ultimi reperti venuti allo scoperto, i più misteriosi e in ferro: un anello di grandi dimensioni e quelle che sembravano essere punte di frecce, per la loro caratteristica forma. Finalmente, gli studiosi sono riusciti a comprendere di cosa si trattasse: secondo gli archeologici, il primo oggetto sarebbe un anello da traino, utilizzato per gli animali; le punte invece sono state definite come delle picche apposte in cima agli stendardi.

“Nell’Alto Medio Evo, dopo il crollo dell’Impero Romano e fino alla fine dell’ XI secolo, questa era una zona rimasta abbandonata – racconta Alessandro Biagioni, archeologo impegnato nell’attività di ricerca sugli scavi – Le invasioni barbariche e i continui saccheggi avevano portato ad un calo demografico e chi rimaneva andava avanti come poteva: si viveva nell’anarchia e senza l’autorità di un governo centrale. Questo, fino al basso Medio Evo: poi è seguito un periodo di rinascita e ripristino delle istituzioni”.

E così nell’antica piazza Colocci, un tempo dedicata a San Luca come l’abbazia che sorgeva al posto dell’attuale chiesa di Sant’Agostino, nel XIII secolo sorgeva il primo Palazzo comunale, sulle ceneri delle abitazioni costruite con pietre irregolari e materiale derivato dal crollo di altri edifici di epoca romana.

Un palazzo di cui oggi resta le fondazioni e alcuni pilastri ma che è descritto molto bene in un documento del 1248.
Dagli scavi, riemerge anche una parete con dei fori e, all’interno, materiale in ceramica, ancora oggetto di studio, probabilmente un accorgimento antisismico del XII secolo.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.