Piazza Colocci, gli scavi riempiti con la ghiaia

JESI – Ci hanno appassionato. Coinvolto. Emozionato. Al centro dell’attenzione mediatica durante la bollente estate dello scorso anno, tornano a riposare al di sotto dei nostri piedi le antiche strutture murarie riemerse dagli scavi in piazza Colocci. La gettata di ghiaia, sopra lo strato di geo tessile, è giù sufficiente a nascondere alla vista quanto dopo secoli era tornato alla luce.

Prima della pausa per ferie la ditta dovrebbe essere in grado di gettare anche lo strato di copertura, così da ridurre visivamente l’impatto del cantiere. Alla ripresa (fine agosto) inizierà sia la pavimentazione dell’area attualmente aperta, sia lo scavo della parte di Piazza Colocci al momento destinata alla viabilità.

Esclusa dalla Soprintendenza ogni possibilità di lasciare i beni archeologici alla vista, per tutelarli e permetterne al meglio la conservazione, Piazza Colocci tornerà ad essere uno spazio fruibile dai cittadini, ad eccezione degli automobilisti in quanto, il parcheggio non sarà ripristinato per evitare sollecitazioni sulle strutture sottostanti.

Le antiche strutture murarie resteranno impresse nella memoria di chi, lo scorso anno, si è appassionato della vicenda, ha seguito passo passo ogni scoperta, ha preso parte alle visite guidate, e di chi, semplicemente passeggiando per il centro, si è fermato dietro quella transenna ad ammirare quel lontano passato riaffiorato, parte di una storia che ora è più chiara e definita, pronta ad essere consegnata nelle mani del futuro.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*