Piazza Colocci, gli scavi saranno riempiti con ghiaia e ricoperti | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Piazza Colocci, gli scavi saranno riempiti con ghiaia e ricoperti

JESI – Piazza Colocci, stabilite le coperture e le pavimentazioni per ricoprire gli scavi e completare così i lavori di riqualificazione degli spazi.

Al fine di tutelarle, le murature emerse saranno ripulite e avvolte da un doppio/triplo strato di geo tessile e poi ricoperte con materiale drenante per evitare che eventuali ristagni d’acqua possano comprometterle. Scartato a priori l’utilizzo del materiale di risulta degli scavi per il riempimento dei vuoti, sono state valutate diverse tipologie di materiale  per il riempimento: sarà utilizzata la ghiaia di fiume lavata in quanto il materiale è più economico e la sua posa in opera è più veloce. La piazza sarà poi pavimentata come progetto esecutivo.

Non saranno lasciati tratti ispezionabili o piccole porzioni in evidenza con vetrate ma resta ben salda la decisione di non ripristinare nella piazza i parcheggi. Ma per vedere il risultato finale potremmo dover aspettare fino alla prossima primavera.

Oltre alla spesa aggiuntiva di 70 mila euro, stabilita con delibera di giunta 192/2017, per la conduzione degli scavi archeologici e comprensiva della spesa di 10 mila per l’esecuzione del rilievo tramite laser scanner, l’importo di contratto subirà un incremento di 14 mila euro circa netti a copertura delle spese per la perizia suppletiva e di variante, approvata dalla Giunta comunale e resa necessaria per l’esecuzione di opere aggiuntive di protezione di ritrovamenti.

Una spesa di poco più di 51 mila euro sarà aggiunta in capo all‘Amministrazione per lo smaltimento del materiale di scavo (9882 euro lordi ) e per la fornitura e posa in opera di: geotessile (circa 800 q aggiuntivi) per raddoppiare e triplicare gli strati in corrispondenza delle creste e delle pareti verticali (3652 euro lordi), ghiaia per il riempimento di scavi (32.432 euro lordi); armatura aggiuntiva sulla soletta in corrispondenza delle creste delle murature per evitarne il sovraccarico (5775 euro lordi).

Lo smaltimento del materiale di risulta potrebbe essere affidato però ad un soggetto diverso dalla ditta appaltatrice, al di fuori del contratto d’appalto, e coperto finanziariamente tramite i fondi stanziati dalla delibera 192/2017 per l’esecuzione del rilievo tramite laserscanner, non più necessari in virtù della sponsorizzazione accolta con delibera di Giunta comunale n. 238/2017. L’importo aggiuntivo, necessario, ammonta pertanto a circa 42 mila euro, equivalenti a circa 37 mila euro al netto del ribasso d’asta conseguito in sede di gara d’appalto ai quali vanno ad aggiungersi un importo presunto di circa 10-12 mila euro per sondaggi archeologici nella parte della piazza non ancora smantellata e per la relativa attività di videosorveglianza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.