Piazza Colocci, proiezioni virtuali e una app per rivederne l’antico aspetto

JESI – “L’intenzione della Soprintendenza è quella di chiudere gli scavi”. Così sentenzia l’archeologo, durante la visita guidata di mercoledì scorso, alla domanda posta dai cittadini visitatori sul futuro dei ritrovamenti di Piazza Colocci.
C’è chi tra il pubblico scuote la testa e chi chiede spiegazioni, protestando: ma la via più percorribile ad oggi sembrerebbe ancora quella di “mantenere intatta la progettualità di Giorgio Martini, l’architetto che curò l’attuale Palazzo della Signoria, il quale aveva pensato a questo spazio come una piazza”. E tale ritornerà. Già altri archeologici, intervistati da noi in precedenti occasioni, ci avevano confermato questa intenzione: pavimentare la piazza con delle vetrate, come è il suggerimento di molti, apparirebbe un progetto “troppo dispendioso, in quanto richiederebbe di costruire impianti di areazione per evitare l’invasione delle muffe sui reperti”.

Dunque tutto questo tornerà nel dimenticatoio, sotto ai nostri piedi, come nulla fosse? “Si stanno studiando delle soluzioni alternative per lasciare qualcosa alla città – spiega Alessandro Biagioni di Archeo In Progress – Probabilmente, si tratterà di proiezioni virtuali o addirittura di una app che dal telefonino permetterà di vedere l’antico aspetto della Piazza, con i suoi edifici”. Tra questi, l’antico Palazzo comunale, i cui pilastri e fondazioni sono emersi proprio dai recenti scavi: gli archeologi sono a lavoro per comprendere come fosse strutturato questo palazzo e permetterne così una ricostruzione virtuale, tramite i moderni mezzi tecnologici oggi a disposizione.

Questo quanto ci dicono oggi gli archeologi: ma sul futuro della piazza resta ancora da ascoltare cosa ne pensa il Comune…

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*