Piazza Colocci, scavi presto richiusi: Soprintendenza spiega il perchè

JESI – Illustrati durante la seduta del Consiglio comunale i risultati degli scavi archeologici nel sito di Piazza Colocci. «Jesi primo caso nelle Marche di archeologia pubblica: lasciando il sito fruibile e visitabile abbiamo scommesso nella totale trasparenza – ha detto la dott.ssa Maria Raffaella Ciuccarelli, responsabile dell’Area II Patrimonio Archeologico della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche – Gli scavi ci hanno permesso di riesaminare complessivamente la Jesi medievale e di avviare un nuovo studio urbanistico della città grazie anche ai rilevamenti metrici».

Terminati i lavori, Soprintendenza e  Amministrazione comunale hanno valutato insieme come valorizzare la scoperta e discusso del futuro degli scavi.

«Da subito si è posto il problema della conservazione dei beni che, restando all’aperto e accessibili, sarebbero sicuramente rimasti esposti a rischi – continua la Ciuccarelli – Anche una pavimentazione a vetro, soluzione già attuata in altri siti, non tutelerebbe le strutture emerse in quanto le esporrebbe, pur adottando un buon impianto di areazione, ad umidità e agli attacchi di muffe ed erbe infestanti». Secondo il parere della Soprintendenza, anche lasciare una singola porzione in evidenza non sarebbe utile perché farebbe perdere il senso del tutto.

Dunque la piazza sarà ripavimentata, con rimessa in opera del piano di calpestio, ma senza ripristinare il parcheggio per evitare sollecitazioni sulle strutture sottostanti. I vuoti saranno riempiti con ghiaia di fiume lavata e le strutture avvolte da un doppio/triplo strato di geo tessile e poi ricoperte con materiale drenante per evitare che eventuali ristagni d’acqua possano comprometterle.

Sarà una realizzazione 3D, resa possibile grazie al laser scanner, a restituire l’esperienza virtuale degli scavi che abbiamo vissuto durante gli ultimi mesi. Ci sarà anche un plastico, da collocare all’interno del nuovo Museo Archoelogico di Jesi che sarà inaugurato il prossimo 15 dicembre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*