Piazza Pergolesi, anche San Nicolò inghiottita dal cantiere | | Password Magazine

Piazza Pergolesi, anche San Nicolò inghiottita dal cantiere

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – In Piazza Pergolesi, prende forma il cantiere intorno al monumento dedicato al compositore jesino, con pannelli sistemati lungo tutto il perimetro, fino a circondare anche la Chiesa di San Nicolò.

Sono partiti i lavori di restyling della piazza di cui si è tanto parlato negli ultimi tempi e che si concluderanno con l’arretramento della statua di Pergolesi, di qualche decina di metri. Primo step, una volta completata la recinzione, sarà l’abbattimento degli alberi poi si passerà a rimuovere i sampietrini e ad effettuare i primi saggi archeologici. Ad iniziare dalla Chiesa di San Nicolò che, per un po’, sparirà alla vista dei passanti: custodita dai Padri Carmelitani del convento di Santa Maria delle Grazie di Jesi e gestita dai Templari Cattolici d’Italia, commanderia ex Val d’Esino, la struttura sarà interessata da sondaggi archeologici lungo entrambi i suoi lati: «Stiamo prendendo contatto con il Direttore dei lavori e con l’Assessore di competenza affinché il portale della Chiesa venga liberato entro il 1° di marzo – fa sapere Duilio Ricci, membro dei Templari Cattolici – Sarebbe opportuno l’installazione di un cancello mobile così da garantire accesso durante gli eventi che si svolgono all’interno della chiesa, spesso teatro di mostre, convegni e incontri».

Nessuna novità invece per quanto riguarda lo spostamento dell’edicola che resterà lì fin quando i lavori non ne richiederanno il trasloco.

Nel frattempo, torna a farsi sentire il Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi attraverso una lettera raccomandata inviata al sindaco e al direttore della Soprintendenza archeologica Carlo Birozzi: «Nel prendere atto con rammarico che siamo alla vigilia dell’attuazione del progetto di trasloco del monumento del grande artista, si intende richiamare l’attenzione non solo sulla ovvia necessità di procedere ad una accurata indagine dello status della zona ipogea interessata, ma anche e più ancora sulla preventiva diagnosi del monumento prima di  procedere al suo spostamento, con l’effettuazione di analisi strumentali in situ, ad esempio mediante termografia infrarossa per monitorare eventuali situazioni critiche relative ad interventi avvenuti nel corso di precedenti restauri e con fluorescenza di raggi X portatile per l’accertamento di fenomeni di degrado del marmo. Anche perché – e non da oggi – chi ha avuto modo, per dovere d’ufficio, di perlustrare centimetro per centimetro il marmo del monumento, ha riscontrato molte microscopiche infrazioni. Tanto si esprime come cittadini con spirito di collaborazione, ma anche di  preoccupazione, soprattutto nel vedere rinviata sine die la vera riqualificazione della piazza costituita dall’intero recupero di San Nicolò come da progetto della stessa Soprintendenza già nel lontano passato».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.