«Piazza Pergolesi, discriminati i non vedenti per mancanza di percorsi tattili». | | Password Magazine

«Piazza Pergolesi, discriminati i non vedenti per mancanza di percorsi tattili».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un’interpellanza da discutere in Consiglio comunale riguardo la situazione lavori di ristrutturazione in piazza Pergolesi e la mancanza di un percorso tattile. A presentarla è Marco Giampaoletti, consigliere comunale all’opposizione con la Lega:

«Premesso che questa Amministrazione nel 2013 presentò alla cittadinanza il progetto per la riqualificazione del Corso Matteotti con le due piazze delle Repubblica e Piazza Pergolesi, e che nella medesima assemblea fu eccepito all’architetto Sardellini, la mancanza totale dell’abbattimento delle barriere architettoniche per non vedenti, con la previsione di un percorso tattile;

Riguardo sempre alla Piazza Pergolesi in oggetto, questa Amministrazione il 7 maggio 2018 in una
conferenza stampa ha detto che, nonostante da oltre trent’anni dall’emanazione di una specifica legge, la
città di Jesi ancora non aveva provveduto a dotarsi di un piano specifico per l’attuazione delle disposizioni legislative appena richiamate e pertanto ha dato incarico a specifico personale tecnico del Comune e professionisti esterni di redigere il “P.E.B.A.”, Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche;

Che durante i lavori di pavimentazione della piazza, i quali ancora in atto e in via di completamento, è
stato realizzato uno scivolo pedonale idoneo anche per persone disabili, in particolare quelle in carrozzina o altro strumento ausiliario per le deambulazione, ma è stata discriminata parte della categoria rappresentata da persone non vedenti non avendo installato un percorso tattile utile ad evitare pericoli ivi realizzati, come panchine, pali dell’illuminazione, gradini e prossimamente saranno messi a dimora anche degli alberi;

Che il progetto iniziale approvato è stato oggetto di numerose modifiche in fase di realizzazione: modifiche che vanno, tra le più importanti, dall’eliminazione dell’edicola esistente nella precedente disposizione della piazza, alla predisposizione di diverse panchine, ma il percorso tattile (si ricorda ancora, che era stato più volte evidenziato ai responsabili sia progettisti che dell’Amministrazione comunale) non è stato realizzato».

Il consigliere comunale fa sapere che la mancanza dell’abbattimento delle barriere architettoniche per disabili non vedenti è stata rilevata ed evidenziata anche da alcuni cittadini e ripresa dalla stampa: «Ciò dovrebbe aver permesso la conoscenza dei fatti anche all’Unione Italiana ciechi e ipovedenti, la quale, attraverso il Presidente della Sezione territoriale di Ancona Andrea Cionna è tempestivamente intervenuta chiedendo chiarimenti» spiega il consigliere. La legge prevede infatti, «per le nuove costruzioni, per la ristrutturazione di interi edifici e per la modifica di destinazione d’uso di edifici in luoghi pubblici e o aperti al pubblico, disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche» e «sono previste dalla legge delle sanzioni a riguardo, per le figure tecniche/professionisti ed anche i responsabili delle procedure amministrative, tenuti all’applicazione delle norme nella realizzazione e nella verifica della conformità delle opere.
Si richiede al Sindaco e la Giunta Quali provvedimenti si vuole adottare per risolvere la problematica che è stata segnalata e in che modo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.