«Piazza Pergolesi, monumento non protetto. La gente si siede sopra». | | Password Magazine

«Piazza Pergolesi, monumento non protetto. La gente si siede sopra».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Piazza Pergolesi, il monumento nel mirino di ragazzini e non solo. A quasi una settimana dalla riapertura della piazza, è subito balzato agli occhi dei visitatori del centro un rischio per la sicurezza dell’opera marmorea che ritrae il compositore jesino. Ragazzini molto vivaci – minori dall’età compresa tra i 12 e i 14 anni – sembrano aver preso l’abitudine di incontrarsi proprio nella nuova piazza e qui, si sfidano a gare di monopattino, impennate con la bicicletta e così via. Fin qui, non ci sarebbe nulla di male – forse è più la pericolosità – se non fosse che spesso le loro attenzioni si rivolgono anche al monumento: alcuni negozianti li avrebbero visti addirittura entrare con i piedi dentro la fontana – ancora senza acqua – e arrampicarsi per mettere il giubbino al compositore, infine salire con il monopattino sulle nuove panchine, che tra l’altro ben si prestano al gioco del ‘salto all’ostacolo’.


«Prima il monumento era protetto dall’aiuola – dicono sui social – . Domenica mattina ho visto persone che sedute sul monumento si facevano foto». E in effetti non mancano le occasione d vedere qualcuno che, nonostante le numerose panchine, decide di sedersi proprio ai piedi del compositore.

Dalla politica, la voce del coordinamento Lega Jesi solleva un ulteriore problema: «Con lo spostamento della statua, non si è tenuto conto che, chi proviene da Via Mura Orientali attraversando l’archetto, si trova talmente a ridosso della strada che rischia di essere falciato dalle auto che transitano in Via San Martino. Gli stessi bambini che beatamente scorrazzano con bici e skateboard, non essendoci alcuna protezione a delimitare la piazza, rischiano di finire sotto qualche auto. Grave che gli architetti e i progettisti non abbiano valutato questo pericolo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.