Piazzale San Savino, inaugurato il monumento "Punto di Contatto tra Culture" | Password Magazine

Piazzale San Savino, inaugurato il monumento “Punto di Contatto tra Culture”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Piazzale San Savino, punto di contatto tra culture. È questo il messaggio del monumento che è stato inaugurato sabato 27 maggio, alle ore 12.00, frutto di un percorso che dal murales “DiverciTeen” al San Savino Linking Festival culmina con la celebrazione dei valori dell’amicizia, della fratellanza e delle identità tra diverse realtà etniche, economiche e sociali che vivono in quella zona. Una mano gigante – una scultura “mobile”, girevole sul piedistallo –  alta tre metri  sorgerà nell’aiuola confinante con il parcheggio. Sullo sfondo, l’antica chiesa di San Savino.

Il simbolo progettato da Graziano Giacani della Premiata Fonderia Creativa e reso possibile da chi ha fortemente creduto nel progetto, in primis l’Associazione Culturale Victoria, presieduta da Giuseppe Romagnoli, e il main sponsor International House – The Victoria Company, d’intesa con il Comune di Jesi, il monumento è stato realizzato dal professor Massimo Ippoliti del Liceo artistico Mannucci. Il continente sulle dita, il mondo in una piazza. Colori e tratti tribali animano il simbolo: ogni dito rappresenta un continente e la mano, simbolo della piazza, diventa un mix di forme e colori. Le trame colorate, realizzate dall’artista David Panico, saranno rinnovate di anno in anno grazie al coinvolgimento degli studenti degli Istituti Comprensivi di Jesi che saranno chiamati ad esprimere la loro visione del mondo.

Tutta la filosofia di un  gesto diventa un luogo che, a sua volta, prende la forma di un monumento: piazzale San Savino, al centro di un progetto d’identità, si trasforma così in un esempio reale di come la contaminazione tra culture possa avvenire all’insegna del rispetto, in un quartiere appena fuori dalle mura e aperto al cambiamento. Il contatto diventa esperienza grazie al calco della mano della centenaria Maria Pia Boria, realizzata lo scorso anno in occasione del 2^ San Savino Linking Festival e che diventerà parte integrante della scultura, per perpetuare nel futuro le radici del quartiere e creare così un punto di contatto anche tra più generazioni.

Al taglio del nastro, sono intervenuti il sindaco Massimo Bacci che ha sottolineato come la scultura rappresenti la fine di un percorso che permette un’interazione vera tra persone, insieme all’assessore alla cultura Luca Butini che ha spiegato come porre e stringere la mano dell’altro sia il primo gesto per mostrarsi disponibile a conoscersi e a dialogare.

Presenti anche Giuseppe Romagnoli, presidente dell’Associazione Culturale Victoria, Graziano Giacani della Premiata Fonderia Creativa, Massimo Ippoliti e tutti i protagonisti coinvolti nell’iniziativa, tra cui i ragazzi della scuola media “Federico II”,  autori dei racconti contenuti nel libro “Il Mondo in una Piazza”, una raccolta di storie narrate e illustrate da chi vive, lavora e studia in Piazza San Savino. In serata, “Piazzale San Savino, punto di contattato tra culture” sarà oggetto di illustrazione al 27esimo Design Week di Ancona come progetto d’identità territoriale.

“La mano simboleggia l’unicità dell’individuo e, allo stesso, realtà diverse che insieme si uniscono in qualcosa di nuovo – è il commento di Giuseppe Romagnoli, il primo a credere che da una semplice aiuola in un quartiere inizialmente “malvisto” poteva nascere qualcosa di bello – Grazie alla sinergia tra attori diversi, abbiamo dato vita ad un posto migliore, finalmente riqualificato”.

L’Associazione Culturale Victoria ringrazia per aver sostenuto il progetto le aziende Paolucci Automazioni, Geo Ciavattini Cipriano, Termoforgia e Sergio Giardini.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.