Pienone in centro per “Jesi si Maschera”, è l’edizione della conferma

JESI – Arrivata alla sua sesta edizione Jesi si Maschera, il piccolo grande Carnevale jesino, sembra aver raggiunto la maturità. La costante carenza di fondi per realizzare un evento carnevalesco, per sua natura dispendioso dal lato allestimenti, non ha mai permesso all’associazione di inserire nell’iniziativa importanti cortei o i classici carri caratterizzanti altre feste simili dotate però di contributi sostanziosi. Dopo diversi tentativi di coinvolgere i cittadini con cene a tema, esibizioni in piazza, balli di gruppo ed altro, nell’edizione meno spettacolare di tutte ma forse più ragionata, gli organizzatori sembrano aver fatto centro. E’ da giovedì infatti che i luoghi dell’evento vedono un’affluenza costante di persone superiore agli altri anni, come frequentati sono i diversi appuntamenti in cartellone. Ulteriore prova della partecipazione i social media, facebook e soprattutto instagram (preferito dai giovani), invasi nelle sezioni jesine da foto della manifestazione.

Nel 2019 si è optato per creare contenitori fruibili dalla cittadinanza, senza troppi appuntamenti attivi ad orari fissi. Ecco allora che Piazza della Repubblica diventa (esclusivamente) un luna park operativo da mattina a sera, Palazzo Pianetti e Bisaccioni due sedi per altrettante mostre a tema, mentre Palazzo dei convegni ospita, nelle 3 sale, altri contenitori. In quella principale tavolini e tanti giochi da tavola con cui poter sfidare gratuitamente gli amici, la galleria vede la mostra degli abiti di Giusi Bellagamba, il retro un luogo dove artisti dipingono e si esibiscono estemporaneamente. Il tutto da aggiungere agli appuntamenti per i più piccoli, sempre a Palazzo dei Convegni, come il laboratorio creativo del giovedì grasso e la prossima sfida in maschera dedicata ai bambini di martedì.

Ma successo stanno riscuotendo anche i nuovi concorsi. Quello delle vetrine (un ritorno) e quello dei bar per l’aperitivo in maschera. Tra i due sono ormai almeno un migliaio i voti fatti arrivare agli organizzatori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*